rotate-mobile
Politica

Coronavirus, Raggi incontra i commercianti. Nei negozi arriva la locandina sui comportamenti da seguire

La Sindaca ha incontrato le associazioni di categoria dei commercianti romani. Ingenti le perdite stimate, soprattutto nel settore turistico. Per CNA ci saranno 2 milioni di visitatori in meno, tra cinesi, coreani e giapponesi

Il Campidoglio istituirà un tavolo permanente. E’ questo il risultato cui si è giunti dopo il confronto che c’è stato tra l’amministrazione cittadina e la Camera di Commercio, Confcommercio, Confesercenti e CNA di Roma.

Gli effetti del Coronavirus sull'economia cittadina

Raggi ha incontrato le principali associazioni di categoria nel commercio, per fare un punto sulle ripercussioni che il nuovo Coronavirus sta avendo all’interno del settore. Ma anche per stabilire che, dalla prossima settimana, gli incontri diverranno sistematici. Un modo per garantire trasparenza d’informazioni sugli eventuali sviluppi del contagio ed anche per sapere quali sono le conseguenze che il Covid-19 causa nel mondo del commercio.

Le locandine nei negozi

Il primo risultato ottenuto, in attesa della convocazione del Tavolo prevista per il prossimo martedì, è che negli esercizi commerciali della città la locandina diffusa dalla Regione Lazio. E’ un decalogo delle misure da mettere in campo per fronteggiare il Coronavirus perché, come ha ribadito la Raggi, “Quello che bisogna fare è intervenire sulla prevenzione. La Regione Lazio ha preparato un cartello informativo che sarà affisso in tutti i luoghi pubblici” pertanto l’amministrazione cittadina h deciso che aiuterà i commercianti “aiuteremo tutti i commercianti a prendere visione di queste misure affinché a loro volta possano esporre queste locandine”.

Le conseguenze sul turismo

L’appuntamento è stato utile anche per delineare quali sono le conseguenze del Coronavirus sull’economia cittadina. A margine dell’incontro svoltosi a Palazzo Senatorio, Stefano Di Niola, segretario generale della Cna di Roma, ha riferito alla DIRE che “Siamo già al 30% delle disdette negli alberghi da parte di viaggiatori cinesi, coreani e giapponesi” e quindi che “quest'anno arriveranno nella Capitale 500mila turisti cinesi in meno e un milione e mezzo di turisti coreani e giapponesi in meno”.

Penalizzata la Capitale

Noi abbiamo chiesto alla sindaca Raggi di mandare un messaggio positivo, non allarmistico, perché per fortuna nel Lazio non c'é stato alcun caso grave – ha sottolineato il dirigente del CNA Di Roma -  Il problema è che oggi l'immagine della nostra città e del nostro Paese è appannata perché i controlli e la sicurezza, invece di dare più fiducia, ci fanno apparire come luogo a rischio dove non andare”. Un apparente paradosso che provoca ripercussioni su tutti i settori legati al turismo. 

Le richieste dei commercianti

“Avremo una crisi molto grande e chiediamo misure anche per Roma, come la sospensione delle imposte e dei tributi, la sospensione dei contributi Inps e Inail, il congelamento dei mutui e l'indennità per i lavoratori autonomi" ha proposto il segretario generale della CNA di Roma.  Una proposta che potrà essere veicolata attraverso il tavolo permanente che la sindaca ha annunciato. “Roma farà tutto il necessario conformandosi alle indicazioni del Ministero della Salute e della Regione Lazio” ha intanto dichiarato la prima cittadina. A partire dal caldeggiare l’affissione delle locadine negli esercizi pubblici e quindi anche nei negozi.

Coronavirus  locandina Regione-2


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, Raggi incontra i commercianti. Nei negozi arriva la locandina sui comportamenti da seguire

RomaToday è in caricamento