rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cultura

Racconti dai laghi di Roma: la III edizione del Premio Coppedè

Al via la III edizione del Premio Coppedè. Racconti di non più di 80 battute da inviare entro e non oltre il 1 settembre 2012 attraverso il modulo presente nel sito internet www.premiocoppede.it.

Ambientare un racconto avendo come sfondo uno dei laghi di Roma tra quello dell’Eur, di Villa Ada e di Villa Borghese. Questo il tema della III edizione del Premio Letterario Coppedè, concorso organizzato dall'Associazione Culturale "La penna e il Fioretto" con  il contributo di Roma Capitale Assemblea Capitolina e di Eur S.p.A. e con il prestigioso patrocinio dell'Università Luiss Guido Carli, di Biblioteche di Roma, dell'Acquario di Roma Expo e della Presidenza del Municipio Roma 2.

COME PARTECIPARE - Il Premio si rivolge a tutti i romani e consiste nella stesura di un racconto breve da ambientare in alcuni angoli e quartieri di Roma. I racconti, che non dovranno superare le ottomila battute, vanno inviati entro e non oltre il 1 settembre 2012 attraverso il modulo presente nel sito internet www.premiocoppede.it.

LA GIURIA - Prestigiosa la giuria del Premio, presieduta dalla professoressa e italianista Simonetta Bartolini già membro del cda del Premio Strega, che sarà affiancata dal direttore del Tg5  Clemente Mimun, dal caposervizio della cronaca di Roma de Il Messaggero Davide Desario, da Roberto Cotroneo, scrittore e direttore della Scuola Superiore di giornalismo e della Writing School dell’Università Luiss Guido Carli, da Roberto Costantini dirigente della Luiss Guido Carli, ingegnere e autore del fenomeno editoriale 2011“Tu sei il male”(Marsilio editore). Una curiosità: quest’anno e per la prima volta nella storia del Premio, un vincitore sarà fra i giurati. Si tratta di Orietta Mele, prima classificata nella edizione dello scorso anno.

I racconti pervenuti saranno accuratamente selezionati per la giuria da Paolo Emilio Colombo, Selene Favuzzi, Giuseppe Guglielmino, Niccolò Venturini e Gianluca Vivacqua della prestigiosa Writing School della Università Luiss Guido Carli. Contribuiscono ad arricchire la giuria Matteo Scarlino, giornalista e direttore di Roma Today e Alma Daddario scrittrice e docente di scrittura creativa, Francesco Antonelli presidente di Biblioteche di Roma, Daniela Chiappetti Presidente del Consiglio del II municipio e l’Ing. Domenico Ricciardi Presidente di Acquario di Roma - Expo.

“Il premio Coppedé è diventato una vera e propria tradizione. Un appuntamento che gli appassionati della scrittura di tutte le età attendono con trepidazione in quanto vetrina e megafono dei loro sogni e delle loro emozioni. Da non dimenticare il valore aggregativo e sociale dell’iniziativa, che valorizza l’identità dei nostri quartieri elogiando la cultura, l’immagine, l’arte e la storia della città eterna”, questo il commento dell’On Fabrizio Santori, consigliere di Roma Capitale e Presidente della Commissione Sicurezza.

“Stiamo promuovendo l'Eur  in ogni sua potenzialità: non solo cantieri che nel prossimo anno ne faranno un polo turistico, culturale e congressuale di attrattività internazionale, ma anche grande attenzione all'ambiente, al verde, agli ecosistemi che i nostri 70 ettari di parchi pubblici custodiscono e che vogliamo valorizzare in quanto risorsa vitale per l'intera Capitale. E' per far conoscere l'eccezionale risorsa verde, rappresentata anche dall'omonimo Lago, che EUR S.p.A. ha scelto con favore di sostenere la terza edizione del premio Coppedè, quest'anno per l'appunto dedicato ai laghi di Roma”, spiega il Dott.Pierluigi Borghini Presidente di EUR S.p.A.

La Prof. Simonetta Bartolini, presidente di giuria fin dalla prima edizione e membro del cda del Premio Strega definisce così le peculiarità del concorso letterario: “Scrivere un racconto in 100 righe è una sfida che i concorrenti del Premio hanno fino ad oggi superato con successo e soprattutto con originalità. Il confronto con un tema prefissato, oltre il valore letterario che ha determinato la scelta dei finalisti e poi dei vincitori, ha offerto il più delle volte alla giuria l'occasione per scoprire piccole realtà sconosciute, fantasie legate ai luoghi, magari rielaborazioni di antiche leggende o sentimenti, emozioni ed empatie sempre interessanti e curiose che giustificano la pubblicazione annuale dei racconti finalisti.”
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racconti dai laghi di Roma: la III edizione del Premio Coppedè

RomaToday è in caricamento