TuscolanoToday

Riscaldamenti spenti: a Morena primaria e scuola dell'infanzia restano al freddo

Nell'istituto comprensivo Fontanile Anagnino l'impianto di riscaldamento non è mai stato acceso. Lozzi (M5s): "Non era a norma ma stiamo provvedendo. I termosifoni saranno accesi tra 10 giorni"

Termosifoni spenti: immagine d'archivio

Da almeno due settimane i riscaldamenti dell'istituto comprensivo Fontanile Anagnino restano spenti. A farne le spese gli alunni della scuola dell'infanzia e di quella primaria. Disagi che, inevitabilmente, ricadono poi sulle famiglie del quadrante.

La testimonianza

"Sono ancora in maternità e quindi mio figlio posso tenerlo a casa – racconta una mamma di un bambino della materna – però sono tanti i genitori che, lavorando, non hanno questa possibilità. Ed è un problema perchè, ovviamente, a nessuno fa piacere lasciare i bambini al freddo". Nella scuola, ha chiarito la mamma "i riscaldamenti non sono mai stati accesi quest'anno".

Il trasferimento rifiutato

Il Municipio, informato della situazione, ha proposto un'alternativa che però è stata rifiutata. Alle famiglie ed al personale scolastico coinvolto era stato suggerito di trasferirsi, per qualche giorno, in una scuola di Centroni. "Proposta bocciata dalla maggior parte dei genitori" racconta Erica Battaglia "anche perchè la scuola in questione si trova a chilometri di distanza". Scartata l'ipotesi del trasferimento, non resta che puntare sugli indumenti pesanti, se non si vogliono perdere delle lezioni.

La causa del disagio: lavori non a norma

Le classi di via Fontanile Anagnino però, secondo il Municipio VII, non resteranno al freddo ancora a lungo.  "La scelta di non spostarsi è dovuta anche al fatto che i disagi dureranno ancora una decina di giorni – fa sapere la minisindaca Monica Lozzi – In quella scuola sono stati fatti dei lavori non a norma sugli impianti di riscaldamento. Di conseguenza non erano mai stati presi in carico dal SIMU. La nuova ditta che ha in gestione i termosifoni, quando si è resa conto di quesa situazione, si è rifiutata di accenderli. Ci siamo subito mossi ed abbiamo sollecitato il Dipartimento che, lo scorso lunedì 26 novembre, ci ha comunicato la data entro cui il problema sarebbe stato risolto". Per qualche giorno, inevitabilmente, a Morena si resta in classe con il piumino


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Coronavirus, a Roma 1362 nuovi casi. Nel Lazio 59 morti nelle ultime 24 ore: mai così tanti da inizio pandemia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • Coronavirus, a Roma 1305 nuovi casi. Nel Lazio 80 morti nelle ultime 24 ore. I dati del 18 novembre

Torna su
RomaToday è in caricamento