rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Colli Aniene Colli Aniene / Viale Ettore Franceschini

Aree verdi pubbliche a Colli Aniene: "Le procedure di affidamento devono essere riviste"

Organizzazione, regole e procedure dell'affidamento alle associazioni di aree verdi pubbliche è in una fase di 'stallo', così: "Rischiano di morire le esperienze portate avanti fino ad ora"

Sottratte all'abbandono, molte aree verdi pubbliche presenti sul territorio della Capitale, sono state date, dal Comune, in gestione a comitati e associazioni. Eppure le regole che disciplinano l'affidamento non sono mai state aggiornate. Come nel caso di Colli Aniene. Proprio qui, infatti, l'associazione Anfiteatro dall'anno 2011 si occupa di gestire un'area verde composta da via Colosso, via Ruini, via Guardati e via Orano. I giardini, manutenuti e sostenuti, anche economicamente da circa 330 famiglie, sono oggi luoghi vivibili da tutti, grandi e piccoli. Infatti, ogni famiglia si tassa di euro 60 annuali per garantire spese e funzionamento. Nelle giornate del 23 e 24 gennaio, inoltre, l'associazione Anfiteatro proporrà l'inaugurazione di altre due aree e annuncia già un intervento di manutenzione per il 26 gennaio nell'area di viale Franceschini. A questo impegno, però, l'associazione contrappone anche un grido d'allarme. 

Così, in una nota stampa, l'associazione chiarisce: "La solidarietà e la collaborazione tra Associazione e Municipio IV costituisce un valore cui la nostra associazione non intende rinunciare. E questo poiché dimostra che la sussidiarietà orizzontale può non essere un mero principio astratto ma una pratica di successo, come l’esperienza de L'anfiteatro dimostra”.
 
A questo, però aggiunge: "Tuttavia questa collaborazione in periferia non è sufficiente a scongiurare il rischio di estinzione di questa esperienza - Un rischio determinato dalla sostanziale “latitanza” di Roma Capitale nei confronti della necessità di rivedere la strumentazione in essere del tutto inadeguata a “regolare” efficacemente i rapporti tra Campidoglio e l’Associazionismo Affidatario delle Aree Verdi Pubbliche". 
 
A rendere nota, quindi, la posizione dell'associazione è Antonio Barcella, membro di L'Anfiteatro: "Questa necessità, esplicitata dalle 50 associazioni presenti l’11 febbraio del 2015 all’assemblea convocata dall’allora Assessore all’Ambiente Estella Marino, in quella sede fu riconosciuta dallo stesso Assessore". Infine, conclude: "Ma le promesse di rivedere organizzazione, regole e procedure, sono rimaste tali. Lo stallo denunciato allora è tuttora pericolosamente in atto e minaccia la sopravvivenza di queste esperienze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aree verdi pubbliche a Colli Aniene: "Le procedure di affidamento devono essere riviste"

RomaToday è in caricamento