MonteMarioToday

Immigrati, FDI dice no al centro di accoglienza di Tragliatella

La mozione presentata dal capogruppo Accorinti contro l'adesione di Roma Capitale al programma di accoglienza lanciato dagli Interni. "Ulteriore peso economico e sociale. Il Comune non ha chiesto neanche il parere dei singoli Municipi"

Con l'approvazione della mozione presentata da SEL in sede di consiglio circa 6 mesi fa, il Municipio XIV si è proclamato ufficialmente "amico dei migranti". Posizione in piena linea con la direzione presa dal Sindaco di Roma Ignazio Marino confermata dall'adesione di Roma Capitale al programma lanciato dal Ministero degli Interni circa l'accoglienza di 2.680 migranti nel triennio 2014-2016 attraverso i 48 centri per rifugiati e richiedenti asilo sparsi a livello nazionale. Una di queste strutture è prevista anche sul territorio della 14esima circoscrizione e precisamente in zona Tragliatella.

Il capogruppo di Fratelli d'Italia Fulvio Accorinti ha presentato ieri una mozione per chiedere il ritiro dell'adesione a tale programma, con ulteriore e particolare riferimento proprio al sito di Tragliatella. "E' assurdo, nel momento in cui la città è finanziariamente a pezzi tanto da mettere a rischio posti di lavoro e stipendi dei lavoratori comunali oltre ai continui tagli di spese dal sociale alla manutenzione di strade, scuole o aree verdi, imporre alla città ed ai cittadini, soprattutto residenti dei quartieri della periferia romana, il peso economico e sociale di tutti questi diseredati". Il consigliere municipale usa termini forti e in riferimento all'aspetto economico cita anche qualche dato: un costo complessivo ogni anno per tre anni pari a 35 milioni di euro di cui 7 milioni e 234 mila a carico del Comune, sempre ogni anno per tre anni.

"Siamo esterrefatti che tali scelte siano state imposte senza sentire il parere dei vari enti municipali e senza dare alcuna informazione preventiva ai cittadini residenti nei quartieri interessati secretando peraltro l'elenco dei siti, resi pubblici solo grazie ad un apposto accesso agli atti fatto dal capogruppo di Fratelli d'Italia in assemblea capitolina Fabrizio Ghera" continua Accorinti, denunciando poi il fatto che la gestione di tali centri sia stata demandata a cooperative finanziate dal Governo e dal Comune di Roma "senza essere a conoscenza delle procedure di affidamento adottate, alla faccia della tanto declamata e decantata trasparenza del PD e soci vari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colonna di fumo invade il Raccordo Anulare, chiuso in entrambe le direzioni

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero 25 settembre: a Roma metro e bus a rischio per 24 ore

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus Roma, studenti positivi a Nuovo Salario e Acilia. Sanificato plesso a Tor de' Schiavi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento