Albano Via del Mare

Parte la campagna per il decoro "Albano ti Parla", ma ignoti distruggono i cartelloni

Dopo appena 48 ore dall'avvio della campagna di decoro urbano "Albano ti parla" ignoti hanno distrutto i cartelloni comunicativi che diffondevano il messaggio di spegnere i motori al passaggio a livello anche in lingua romena

Il manifesto danneggiato della Campagna di comunicazione Albano Ti parla

Sembra quasi un ossimoro, uno scherzo: parte la campagna per il decoro urbano "Albano Ti Parla" e ignoti poche ore dopo distruggono i cartelloni comunicativi il lingua romena. Alcuni giorni fa sono stati installati su via del Mare a Pavona  i primi cartelli che richiamano i cittadini ad una maggiore civiltà e rispetto delle regole, invitandoli a spegnere il motore mentre sono in attesa del passaggio a livello.

Si passa dalla faccia di un bambino che vuole vivere in un mondo meno inquinato, a quella dell’agente di Polizia municipale che richiama al rispetto delle leggi; dal parroco di Pavona alla lavoratrice immigrata che è ormai parte fondamentale del tessuto sociale della città e vuole che tutti siano attori attivi nel processo del suo miglioramento.

Proprio il manifesto il linqua romena simbolo dell'integrazione è stato danneggiato: ignoti hanno tentato di buttarlo giù dai pali a cui era affisso. Dei 12 striscioni proprio quello che invitava al rispetto degli altri è stato preso di mira dai vandali. L'associazione Fare che ha promosso la campagna comunicativa chiederà al Comune di presentare denuncia contro ignoti come atto contro l'inciviltà e in questo caso il razzismo.

Nonostante questo atto di vandalismo, la campagna inizia a destare curiosità fra i passanti che iniziano a leggere i messaggi e manifesti che invitano a un maggiore rispetto della città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte la campagna per il decoro "Albano ti Parla", ma ignoti distruggono i cartelloni

RomaToday è in caricamento