Non c’è due senza tre: vittoria in trasferta a Chieti per l’Atlante Eurobasket Roma

Continua la striscia vincente dei capitolini in un match emozionantissimo contro la Lux Chieti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

L’Atlante Eurobasket Roma non si ferma più: chiude nel migliore dei modi il trittico di partite in soli 8 giorni, cogliendo il successo anche a Chieti e tenendo aperta la striscia di tre vittorie consecutive in un match combattutissimo. La Lux Chieti Basket 1974 schiera in quintetto Meluzzi, Williams, Santiangeli, Sorokas e Bozzetto; per i romani, orfani di Viglianisi a causa dell’infortunio rimediato a Cento, consueto starting five con Romeo, Gallinat, Bucarelli, Cicchetti e Olasewere. I romani partono con uno spettacolare alley oop finalizzato da Roberto Gallinat, prima di subire gli attacchi degli abruzzesi; coach Pilot è costretto a chiamare timeout sul 11-8, dopo 4:10 dall’inizio della gara che vede un Meluzzi già autore di 6 punti. Al rientro tuttavia l’attacco romano spara ancora a salve, coi padroni di casa ad allungare fino al +8 del 16-8, fino al libero realizzato da Cicchetti. La vena offensiva degli abbruzzesi però non viene arginata: Chieti allunga fino al 24-13, prima che a 1:30 dal termine del primo quarto Eugenio Fanti non rimette mentalmente in partita i romani con una tripla dall’angolo. 4 punti consecutivi di Daniele Magro e risposta dei padroni di casa: la prima frazione termina col punteggio di 28-20. La situazione falli dei lunghi capitolini (con Cicchetti e Magro con due personali) spinge coach Pilot a varare un quintetto piccolo, con Lorenzo Bucarelli da quattro tattico; la mossa dà i suoi frutti, con l’Atlante Eurobasket Roma ad erodere lentamente il vantaggio di Chieti. Santiangeli risveglia i padroni di casa dopo il parziale di 7-1 piazzato dai romani (guidati proprio da Bucarelli), diventando il primo giocatore ad arrivare in doppia cifra nel match, ma Janko Cepic gli risponde con la tripla del 34-32 a 4 minuti e mezzo dall’intervallo: i romani sono in partita, con Jamal Olasewere che a sua volta scollina quota 10 punti. Il fallo tecnico rimediato a 3 minuti dalla fine della seconda frazione consente però un nuovo allungo agli abruzzesi, che tornano a +7; due triple consecutive di Fanti e Olasewere però non permettono la fuga, e il canestro sulla sirena di fine quarto ancora di Magro manda le due squadre negli spogliatoi sul punteggio di 43-42 per i padroni di casa. Alla ripresa delle ostilità i romani passano in vantaggio alla prima azione, grazie a Jamal Olasewere; piazzano un parziale di 9-4 nei primi 4 minuti, interrotto dalla tripla di Meluzzi. Nonostante la gara si faccia confusionaria, con vari errori da entrambe le parti causati dall’agonismo e dalla voglia di lottare su ogni pallone di entrambe le squadre, le facce dei romani sembrano più determinate, tenendo sempre l’inerzia dalla propria parte nonostante la vicinanza nel punteggio. Solamente nell’ultima azione del quarto, Chieti si riporta avanti chiudendo la terza frazione sul 60-59. Apre le danze nell’ultima frazione Sodero, con il canestro del 62-59, prima di una serie di sorpassi e controsorpassi che vedono protagonisti Magro, Santiengeli, Romeo e ancora Sodero. Gli ultimi 5 minuti iniziano con le squadre sul 69 pari. A 3:28 dal termine, Chieti si trova in vantaggio per 71-70 Al rientro in campo dopo il timeout, Paulius Sorokas segna i due liberi successivi al fallo di Romeo, ma arriva il nuovo pareggio di un Roberto Gallinat che sale in cattedra con un gioco da 3 punti. Ancora due liberi segnati da Gallinat e i romani si portano sul +3; ai liberi segnati dall’americano dopo il canestro di Sorokas se ne sommano altri 2, così come arriva un altro jumper per il lituano che lascia i romani sopra di 1. Timeout di coach Pilot per superare la pressione dei padroni a tutto campo; missione compiuta e inevitabile fallo su Gallinat, freddissimo dalla lunetta che porta nuovamente l’Atlante Eurobasket Roma sul +3 a 14 secondi dal termine. Sorokas non ci sta a perdere il personale duello individuale con lo statunitense: realizza i due punti del -1 e, dopo altri due liberi di Gallinat e uno segnato da Bucarelli, sul -3 manda a bersaglio la tripla della disperazione che porta il match sulla sirena all’overtime, sull’83 pari. Nell’overtime Chieti rimette la testa avanti al primo possesso, ma l’Atlante Eurobasket Roma, piegata, non è spezzata e si rialza: al libero di Bozzetto che porta il punteggio sul 84-83, risponde ancora Gallinat con 5 punti consecutivi che riportano i capitolini avanti. Arriva quindi il colpo di coda dei romani: due liberi di Bucarelli, due di Gallinat e due di Romeo scrivono la parola “Fine” sul match. A fine match, le riflessioni di coach Pilot: “Abbiamo in pratica dovuto vincere la partita due volte, dopo il fantastico canestro di Sorokas. In molti si sarebbero disuniti, ma non è stato il caso del nostro gruppo, che è rimasto concentrato durante l’overtime, completando una prova di spessore”.

Il finale: LUX Chieti Basket 1974 – Atlante Eurobasket Roma 91-95 d.t.s. LUX Chieti: Meluzzi 16, Sorokas 29, Sodero 4, Ihedioha 4, Williams 13, Bozzetto 5, Santiangeli 20, Migliorelli n.e, Mijatovic n.e., Favali n.e., Insegno n.e., Arnold n.e. All. Sorgentone Ass. All. Di Chiara, Perricci Atlante Eurobasket Roma: Olasewere 21, Ludovici n.e., Gallinat 22, Cepic 6, Fanti 11, Cicchetti 3, Bischetti n.e., Magro 10, Staffieri 1, Romeo 6, Bucarelli 15 All. Pilot Ass. All. Crosariol, Zanchi Ufficio stampa Eurobasket Roma

Torna su
RomaToday è in caricamento