Comunali 2021, Meloni vuole l'ultima parola sul candidato sindaco: "A dicembre diremo il nome"

Nome gradito alla leader di FdI sarebbe quello del vicepresidente della Camera Fabio Rampelli, che a sua volta scenderebbe volentieri in campo

Giorgia Meloni (fonte Ansa)

"Il candidato del centrodestra per Roma 2021 c'è. Ci eravamo dati l'orizzonte di fine novembre, dicembre al massimo". Ed entro dicembre il nome ci sarà. Poi la campagna elettorale potrà entrare finalmente nel vivo. Parola di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, ieri a Sky Tg24. Il volto prescelto è ancora un mistero e i più rivelano che non è stato ancora deciso, ma qualche ipotesi comincia a concretizzarsi.

Primo dato: sembra tutt'altro che scontata la scelta di un candidato proveniente dal mondo civico e soprattutto che sia espresso dalla Lega. Il leader Matteo Salvini ha sempre delineato il profilo del futuro candidato: un manager prestato alla politica, un uomo "del fare" senza tessera di partito. Ma sul punto, e questo non è un mistero, in Fratelli d'Italia hanno storto il naso in tanti. 

I meloniani sono più che convinti che debba toccare a loro l'ultima parola sul nome finale. Hanno un bacino elettorale consolidato in anni di politica sul territorio e una struttura dirigenziale salda e radicata a Roma, al contrario dei leghisti. Della serie, "senza di noi non si va da nessuna parte". Per questo Meloni, nella spartizione delle città che andranno al voto nel 2021, punta alla Capitale. Altra questione: meglio un politico di professione. E qui sono due i nomi che la leader di FdI porterà sul tavolo della coalizione ai prossimi incontri con Silvio Berlusconi e Matteo Salvini previsti in calendario. 

Il primo è quello di Fabio Rampelli, deputato e vicepresidente della Camera. Sono in diversi tra i suoi a spingere per una sua candidatura, con un pressing in crescita nelle ultime settimane. Seconda in lista la consigliera regionale Chiara Colosimo. Il primo però è nettamente più quotato. Lui stesso non ha mai escluso la possibilità di candidarsi, e se ricevesse l'endorsement degli alleati non si tirerebbe indietro. Tanto che non sembra aver preso bene i numeri di un recente sondaggio condotto da Demopolis per RomaToday. Il gradimento al vicepresidente di Montecitorio si ferma al 14%, contro il 31% per Guido Bertolaso, l'altra carta che il centrodestra potrebbe scegliere alla fine di giocarsi. 

Proposto da Forza Italia durante un primo tavolo di confronto a fine ottobre, l'ex capo della Protezione civile, uomo "delle emergenze", già sostenuto da Silvio Berlusconi alle comunali romane del 2016 salvo poi rimpiazzarlo all'ultimo con Alfio Marchini senza sostenere Meloni, potrebbe spuntarla. Anche qui però Fratelli d'Italia dovrebbe mandare giù un boccone amaro. Ricordiamo che Meloni si candidò quattro anni fa proprio in opposizione a Bertolaso, anche allora proposto da Berlusconi e confermato dagli elettori tramite le "gazebarie". Senza contare la spiacevole battuta che rivolse alla leader, allora incinta: "pensi a fare la mamma". Insomma, non stupisce che oggi non sia un candidato ben visto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento