rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Cronaca

 La meglio gioventù scende in piazza

A Roma in piazza il 26 maggio 'Il nostro tempo è adesso' contro la precarietà e per un paese diverso

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RomaToday

Le borse cadono e lo spread vola. Queste le notizie che da mesi leggiamo sui giornali. Insieme allo spread e alle borse però cade una generazione e insieme a lei un paese intero. Dentro la crisi economica vola anche la disoccupazione giovanile ormai oltre il 34%, la precarietà dilaga tra i contratti di lavoro e nella vita di tutti noi.
 
A tutto questo il Governo ha risposto con politiche di austerity, le stesse che hanno causato la crisi economica e che oggi deprimono ulteriormente il nostro paese, e con una riforma del Mercato del Lavoro sbandierata come la risposta definitiva alla precarietà che invece non risolve proprio niente perché lascia intatta la giungla delle 46 forme contrattuali; non estende gli ammortizzatori sociali, visto che l'assicurazione per l'impiego lascerà fuori buona parte dei lavoratori precari; non prevede nessuna forma di reddito minimo; scarica l'aumento di costo dei contratti a progetto sulle buste paga dei collaboratori; rappresenta una beffa per le reali partite iva che dovranno pagare di tasca loro l'aumento dei contributi.
 
Per questo il comitato “il nostro tempo è adesso” ha lanciato per il prossimo 26 maggio una manifestazione a Roma: La meglio gioventù scende in piazza. E' la meglio gioventù di oggi che chiede di scendere in piazza anche alla gioventù di ieri: alle proprie madri e ai propri padri. Si è cercato, in questi anni, di dividere i “garantiti” dai “non garantiti”: noi vogliamo unire due generazioni nella difesa dei diritti e nella lotta contro la precarietà, che non è solo un'emergenza del mercato del lavoro, ma il più grande attacco alla democrazia italiana degli ultimi decenni.
 
Nell'appello che lancia l'inizitiva si legge: “Per noi la precarietà è il messaggio che da vent’anni una classe dirigente ci trasmette: andatevene. Noi vogliamo restare, cambiare le nostre vite e dare un presente al nostro Paese!”.  Le richieste avanzate sono: un modello di welfare universale; l'istituzione anche nel nostro paese di un reddito minimo fatto di sussidi e servizi; un contratto stabile per il lavoro stabile e che i diritti fondamentali siano estesi a tutte le forme di lavoro: l'equo compenso, il diritto universale alla maternità/paternità e alla malattia, i diritti sindacali, il diritto ad una pensione dignitosa, la continuità di reddito nei periodi di non lavoro, la formazione continua.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

 La meglio gioventù scende in piazza

RomaToday è in caricamento