TuscolanoToday

Cinecittà, a dicembre apre il MIAC: il museo del cinema italiano. Niente cimeli si punta sulle emozioni

Dodici sale ed in futuro anche due teatri di posa. Nella città del cinema è stato allestito un innovativo museo, costantemente aggiornato. Ministro Franceschini: "Sarà un'esperienza immersiva"

Una sala del MIAC. Foto di C. Vatielli

Milleseicentocinquanta metri quadrati per raccontare la storia del cinema. All'interno degli Studios, grazie ad un investimento di due milioni e mezzo di euro, è stato allestito il MIAC, il Museo italiano dell'Audiovisivo e del Cinema.

Il progetto 

Il Ministro Dario Franceschini ed il vicesindaco Luca Bergamo, hanno visitato le sale di quella che è un tempo era la sede  del laboratorio sviluppo e stampa di Cinecittà. Lì ha preso forma un progetto alla cui realizzaziione hanno contribuito gli archivi di Cinecittà Luce, Teche Rai e Centro sperimentale per la cinematografia.

La storia del cinema

"E' una rara soddisfazione vederlo realizzato in un tempo breve - ha sottolineato numero uno del Mibact - Qui si racconta la storia del cinema, ma si legge anche il futuro, perchè accanto a un grande passato ci sono anche un presente e un futuro. È un luogo aperto attorno a cui si possono costruire molte iniziative di studio, ricerca e formazione. Sarebbe bello anche avere una sala in cui attraverso l'uso delle immagini i visitatori possano lasciare la loro dichiarazione d'amore per il cinema".

Un museo in costante aggiornamento

Il Museo, privo di cimeli, si sviluppa attraverso dodici sale che racchiudono i temi prescelti, tra cui il potere, la musica, i grandi maestri. Il tutto, armonizzato da una grande "timeline" lunga 30 metri in cui è possibile ripercorrere deate e de eventi della storia del cinema italiano. "Sarà un'esperienza immersiva" ha dichiarato Franceschini. Ma sarà soprattutto "una start up, - ha dichiarato Roberto Cicutto, presidente di Istituto Luce Cinecittà - perchè sarà completamente rinnovato e aggiornato con contenuti sempre diversi".

Apertura prevista a dicembre

Non ci sarano solo "le sale immersive". All'interno del MIAC sarà infatti allestito anche "Spazio lettura Tullio Kezich", con settemila volumi. "In più - ha aggiunto Cicutto-  in futuro si aggiungeranno anche due grandi teatri di posa". A disposizione del MIAC, ha tenuto a precisare  Felice Laudadio, il presidente del Centro sperimentale di Cinematografia, ci saranno i "160mila titoli della piu' grande cineteca europea che conserviamo tra Roma e Ivrea". Per apprezzare quest'innovativo museo del cinema, occorre prestare un po'  ancora di pazienza. Il MIAC, ormai allestito, sarà aperto al pubblico dal dicembre del 2019.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento