menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quadraro, il sottopasso torna percorribile: rimossi giacigli e siringhe

Polizia Locale, PICS e Carabinieri impegnati nell’intervento realizzato nel tunnel del Quadraro. Lozzi: “Era diventato un bivacco pericoloso per la cittadinanza”

Il sottopasso di via Decio Mure è stato tirato a lucido. Non ci sono più i materassi ed i letti che vi erano stati sistemati. E soprattutto sono sparite le siringhe che, al suo interno, avevano finito per accumularsi.

Rimossi giacigli e siringhe

Nella giornata del 3 giugno, un intervento congiunto del VII Gruppo Tuscolano della Polizia Locale, dei PICS e del Comando Carabinieri del Quadraro, ha permesso di liberare il tunnel e di ripulire l’area. Il sottopasso è stato così bonificato dai giacigli di fortuna e, soprattutto, dalle siringhe e dalle bottiglie lasciate lì da un gruppo di senza fissa dimora che vi si era stabilito durante la quarantena” ha spiegato Monica Lozzi, la presidente del Municipio VII. L'insediamento quindi, l'ultimo di una lunga serie, si è formato durante la prima fase dell'emergenza Coronavirus.

Un bivacco pericoloso

All’interno dello spazio ha riferito sempre al minisindaca del M5s, “vivevano 8 persone” che “già in passato erano state invitate ad usufruire della rete di sostegno che il Comune dedica ai senzatetto”.  L’intervento è stato portato a termine, su richiesta dell’ente di prossimità, perché il Municipio ha ritenuto che il bivacco fosse diventato “pericoloso per la cittadinanza”. I residenti del Quadraro, da anni, denunciano le condizioni in cui versa il quartiere. La presenza delle siringhe nelle strade, spesso associata alla permanenza di un SERD, è stata più volte portata all’attenzione dei media e delle istituzioni.

Un passaggio strategico

Ora il sottopasso è tornato ad essere sgombero. L’infrastruttura, passando sotto la via Tuscolana, ricuce la frattura tra Quadraro vecchio e nuovo. E può essere utile percorrerla, dal lato del Municipio V, per raggiungere l’area verde intitolata a Niccolò Blois. Lì è presente anche un'area cani molto frequentata dai residenti: Per raggiungerla, i proprietari dei quadrupedi che abitano in via dei Lentuli, dall'altro lato della Tuscolana, devono attraversare il tunnel. Ora potranno farlo senza attraversare l'ennesimo insediamento che, al suo interno, era stato allestito.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento