La Percezione del Vuoto

"La Percezione del Vuoto" Giorgio Pahor sceglie gli spazi del magazzino di Via Concordia 44 a Roma per inaugurare, giovedì 16 marzo, alle 18.00, la sua mostra "La Percezione del Vuoto", a cura di Alberto Dambruoso. Se il titolo dell'esposizione da solo è in grado di raccontare le ultime riflessioni e le recenti sperimentazioni dell'artista, lo spazio in cui le opere saranno allestite sarà in grado di rappresentare ancora meglio, facendosene esso stesso manifestazione, la sua affascinante e complessa concezione del vuoto. Giorgio Pahor ha scelto infatti un magazzino, che ha avuto e avrà in futuro vocazione differente da quella artistica ed espositiva, cogliendo il valore del suo vuoto temporaneo, transitorio e sfuggente. L'artista porterà le sue riflessioni tra le pareti spoglie di questo luogo altro, giocando a bilanciare, ma solo in parte, il vuoto degli spazi. Non solo carico di una connotazione negativa, attribuita spesso dalla società contemporanea, durante la mostra il termine riacquisterà la possibilità di essere anche sacralità, senso di libertà, movimento, spazio di elaborazione, pensiero. Positivo o negativo, sarà l'uomo a stabilirne il valore, il vuoto riacquisirà il riconoscimento dell'esistenza e la possibilità di essere in molteplici percezioni e in molteplici definizioni. Giorgio Pahor, da viaggiatore e girovago qual è, porta tra le opere le culture che ha assorbito, le teorie filosofiche e religiose che ha ascoltato, le testimonianze storiche e le definizioni fisiche. Tele, installazioni, acquerelli e tempere raccontano quello che del vuoto ha asserito e scritto il mondo, e l'uso che ne ha fatto l'uomo nella sua vita, abbandonandosi, sin dai tempi più lontani, al potere dell'intuizione e all'affermarsi della percezione. Pahor, per progettare ed elaborare le proprie opere, da sempre si concentra sulle relazioni, tra l'uomo e l'universo, tra la memoria umana e la dimensione spazio-temporale, tra la passione e la ragione, e sulle interazioni tra logos, sentimento e pathos, in un percorso interiore di astrazione concettuale. Così, anche per "La Percezione del Vuoto", l'artista ha lavorato sulle relazioni tra la forma e lo spazio, offrendo all'osservatore opere in grado di raccogliere e sintetizzare le risultanze dei loro reciproci scambi. Condizione desiderata e determinata sarà poter percepire, durante il percorso espositivo, il vuoto come forma e la forma come vuoto. Più di trenta opere per molti più significati: nel vuoto tutto può esistere e tutto può scomparire. Le opere saranno accompagnate da un scritto dell'artista, dedicato alla percezione del vuoto. Al termine della mostra sarà presentato il catalogo con testo critico del curatore Alberto Dambruoso. La Percezione del Vuoto Di Giorgio Pahor A cura di Alberto Dambruoso 16 marzo - 30 marzo 2017 Via Concordia 44, Roma Opening 16 marzo Ore 18.00

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Back to nature, installazioni d'artista a Villa Borghese

    • Gratis
    • dal 15 settembre al 13 dicembre 2020
    • Villa Borghese
  • Il Regno di Babbo Natale, un mondo incantato a un'ora da Roma

    • dal 18 settembre 2020 al 17 gennaio 2021
    • Vetralla (VT)
  • Il tempo di Caravaggio. Capolavori della collezione di Roberto Longhi, prorogata la mostra

    • dal 16 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Musei Capitolini, Palazzo Caffarelli
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RomaToday è in caricamento