I Fori Imperiali di notte

Verso la fine del periodo repubblicano, l’antico Foro Romano non fu più in grado di accogliere tutte le funzioni commerciali, politiche e amministrative della società romana, perciò si diede avvio alla realizzazione di una serie di piazze monumentali. Il primo a costruire una grande piazza in suo nome fu Giulio Cesare, che inaugurò nel 46 a.C.

A differenza del Foro Romano, si trattava di un progetto unitario, costituito da una grande piazza con portici e con il tempio dedicato alla dea Venere Genitrice, dalla quale il dittatore si vantava di discendere. Tuttavia, lo scopo principale del nuovo foro era di tipo propagandistico, ossia di esaltare l’immagine di Giulio Cesare e ricercare, dunque, consenso popolare. Al foro di Cesare fece seguito quello di Augusto, inaugurato nel 2 a.C., che divideva il monumento dal quartiere popolare della Suburra. Seguirono poi il Tempio della Pace, costruito sotto Vespasiano, e il Foro di Nerva, detto anche Transitorio, poiché ebbe una funzione di passaggio e collegamento tra i fori già esistenti. Infine, conclude cronologicamente questa serie di piazze monumentali il grande e monumentale foro di Traiano con i Mercati (112-113 d.C), nati in seguito ai lavori di sbancamento della sella montuosa che collegava il Campidoglio al Quirinale e che chiudeva la valle dei Fori in direzione dell’attuale piazza Venezia.
Il ricordo di questa grande collina viene celebrato nell’iscrizione posta sulla base della colonna di Traiano (elemento importante del nuovo foro), nella quale si rammenta come la monumentale colonna coclide ricalchi l’altezza della precedente sella montuosa.

Durante il fascismo, lungo l’area archeologica dei Fori venne aperta via dell’Impero, l’attuale via dei Fori Imperiali, che taglia a metà le aree archeologiche dei Fori, spezzandone l’originaria unità, con lo scopo di collegare il Colosseo con Piazza Venezia, nuovo centro politico degli anni ’30.

Con la nostra passeggiata, dunque, si avrà modo di percorrere tutta via dei Fori Imperiali e insieme ricostruiremo il contesto originario dei Fori imperiali.

APPUNTAMENTO: davanti la colonna di Traiano in Via dei Fori Imperiali, mezz’ora prima dell’inizio della visita per chi deve ancora iscriversi all’associazione Esperide, un quarto d’ora prima per i soci iscritti.
CONTRIBUTO PER LA VISITA: 10 euro (vedi sezione regolamento), 6 euro per i già tesserati. Se si raggiunge il numero minimo di 15 partecipanti potrà essere aggiunto il noleggio degli auricolari al costo di 1,50 euro a persona
PER PRENOTARE: indirizzo email info@esperide.it; telefono: 3331125444–3498926716–3394750696. I NUMERI SONO ATTIVI TUTTI I GIORNI DALLE 10:30 ALLE 20:30.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Turismo, potrebbe interessarti

  • Colle Gianicolo e Villa Sciarra

    • 31 gennaio 2021
    • Gianicolo
  • Spettri, spiritelli e satanassi di Roma. Visita e attività per bambini

    • 30 gennaio 2021
    • Centro Storico
  • Sulle tracce di Caravaggio: caccia fotografica guidata per ragazzi

    • 30 gennaio 2021
    • Centro Storico

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento