Bajocco Festival, ad Albano l'eccellenza senza confini dell'arte di strada

Ad accompagnarli strumenti musicali e attrezzi del mestiere, libertà e tanta creatività. In tasca l’amore per l’arte nomade, di strada, nel cappello o nelle custodie il gradimento del pubblico in monete. Sono gli artisti di strada, fuocolieri, acrobati, circensi, musicisti, teatranti urbani che dal 13 al 15 Settembre si raduneranno ad Albano Laziale (RM), sui Castelli Romani, per il Bajocco Festival 2019 Artisti di Strada e Arti Performative. Un atteso appuntamento internazionale, ideato e realizzato dall’Associazione XV Miglio in collaborazione con il Comune di Albano Laziale. Una grande festa lunga tre giorni che trasformerà il Centro Storico della città in un luogo magico, ricco di sorprese per grandi e bambini.

Nato nel gennaio 2011 e chiamato ‘Bajocco’ in onore dall'antica moneta dello Stato Pontificio messa nel cappello degli artisti monete a gradimento dello spettacolo rappresentato, il festival è giunto oggi alla sua nona edizione. Una manifestazione gratuita che solo lo scorso anno ha registrato 150mila presenze in tre giorni, quest’anno il Bajocco Festival vedrà la partecipazione di 11 Nazioni (Italia, Germania, Argentina, Croazia, Messico, Uruguay, Scozia, India, Brasile, Perù, Costa Rica), 210 artisti e 160 spettacoli tra circensi e musicisti. Un palcoscenico a cielo aperto, dove i performers esibiranno la propria professionalità, coinvolgendo il pubblico nelle tante declinazioni della street art, reso possibile grazie anche al circuito United for Busking (UfB), la rete di festival internazionali di arti di strada nata di cui Bajocco fa parte.

Novità assoluta di questa edizione, in arrivo dall’Argentina, è l’artista Fernando Copioli con la sua Sand Art (Arte della Sabbia), una performance emozionante che trasformerà semplici granelli di sabbia in quadri animati di luce. E poi Giacomo Roia con il suo spettacolo 'Abat Jour' per la regia di Emanuele Pasqualini della Compagnia Teatrale Pantakin Venezia, presentato in prima nazionale proprio a Bajocco 2019. Un mix di luce, mani, sfere e un comodino che condurrà il pubblico nell’Artmosfera, un luogo di libertà ed espressione dove è giusto solo credere nell'impossibile.

Ed ancora, dopo il grande successo dello scorso anno il ritorno del gruppo di danzatori del fuoco ‘Pyrodanza’ direttamente dal Costa Rica per uno sbalorditivo show dove si esibirà anche il testimonial del Bajocco Festival 2019, il performer brasiliano Gustavo Ollitta con la sua arte di Manipolazione. Grazie a particolari attrezzi chiamati ‘Buugengs’ che sfruttano principi ottici e matematici per creare forme ipnotiche, Gustavo esibisce la sua abilità di giocoliere e fuocoliere imparata alla Scuola Cirko Vertigo di Torino.

Moltissimi gli Eventi Correlati agli spettacoli di strada come, ad esempio, le visite guidate in notturna accompagnati da due critiche d’arte; le performance di mimo e danza; il teatro di improvvisazione; i curiosi scatti fotografici e ritratti ai passanti; due mostre di pittura; il massaggio sonoro con il gong; un'installazione di mongolfiere di carta pesta riciclata dell'artista libanese Hania Khalife; i laboratori di circo e gli antichi giochi di strada per i bambini; il mercato dell’artigianato; il concorso fotografico Bajocco Click ed il concorso gastronomico Dolce Bajocco sui dolci tipici del territorio. Quattro anche quest’anno le aree gastronomiche, food truck d’eccellenza per la rete di imprenditori del territorio che stuzzicheranno i palati amanti del cibo di strada e della qualità.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District

I più visti

  • "Banksy A visual protest": oltre 90 opere in mostra al Chiostro del Bramante

    • dal 8 settembre 2020 al 11 aprile 2021
    • Chiostro del Bramante
  • Alberto Sordi, mostra nella sua villa a 100 anni dalla nascita

    • dal 16 settembre 2020 al 31 gennaio 2021
    • Villa di Alberto Sordi
  • "Balloon Museum", il primo museo del palloncino in un'ex deposito Atac a Roma

    • dal 11 febbraio al 14 marzo 2021
    • ex Deposito Atac, Pratibus District
  • I Marmi Torlonia, la mostra ai Musei Capitolini

    • dal 25 settembre 2020 al 27 giugno 2021
    • Villa Caffarelli
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    RomaToday è in caricamento