Pietralata

Municipio V, Parchetto Feronia: tra speculazione privata e inquinamento

L'associazione culturale Feronia parla del Parchetto Feronia e di come l'area "non è in alcun modo coinvolta nel progetto dei punti verdi qualità" ma è sempre stata curata dai cittadini, anche se lamentano degrado e inquinamento

Un'area ambita dai privati che cercano di speculare su una zona verde che i cittadini da anni, "con fatica e duro lavoro autofinanziato e volontario, hanno reso sempre più vivibile e frequentata". E' quanto denuncia l'Associazione Culturale Feronia in merito allo scandalo relativo ai punti verdi qualità, parlando del Parchetto Feronia. L'associazione sottolinea come in questi giorni le immagini apparse su molti giornali locali relative a Parco Feronia, uno dei punti verdi qualità coinvolti nell'indagine, siano in realtà relative a Parchetto Feronia, un'area verde poco distante, di cui l'associazione si prende cura da anni. "Parchetto Feronia non è in alcun modo coinvolto nel progetto dei punti verdi qualità", ma l'Associazione lamenta comunque la presenza di numerosi problemi che gravano sull'area.

Oltre all'interesse dei privati c'è l'inquinamento di diverse zone, "dove gli ex proprietari hanno da anni interrato materiali tossici (amianto, lana di vetro e vecchi fusti di vernice) non preoccupandosi affatto della bonifica". Nonostante i ripetuti esposti avanzati dall'associazione, anche con il supporto di Legambiente Lazio, "ad oggi nessun'autorità competente è intervenuta per ristabilire la salubrità della zona". "La vicenda dei punti verdi qualità a Roma conferma quanto l'affidamento all'iniziativa privata di spazi verdi, beni comuni e servizi di interesse collettivo sia estremamente pericoloso - avverte l'associaizone - e possa rappresentare una seria minaccia alla gestione della cosa pubblica nell'interesse di tutti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipio V, Parchetto Feronia: tra speculazione privata e inquinamento

RomaToday è in caricamento