"Judy": Renée Zellweger interpreta la Garland tra successo e tramonto

Il biopic diretto da Rupert Goold racconta l'ultimo periodo dell'indimenticata attrice e cantante

È diretto da Rupert Goold “Judy”, uno dei 33 film presenti nella selezione ufficiale della Festa del Cinema di Roma e in arrivo nelle sale italiane a dicembre.

La pellicola è ispirata alla vita della celebre attrice e cantante Judy Garland, dipendente da quegli stessi farmaci che ne causarono la morte ad appena 47 anni. Un’esistenza breve eppure tormentata dai (cinque) matrimoni fallimentari, dai numerosi impegni di lavoro che l’allontanavano dai suoi figli, dai tracolli economici e psicologici.

L’icona di Hollywood è magistralmente interpretata da Renée Zellweger, che per molti mesi ha lavorato per assomigliare il più possibile a Judy tanto nella gestualità quanto nel modo di cantare. Nel film è proprio la Zellweger ad interpretare le canzoni.

La sinossi

Nell’inverno del 1968, Judy Garland arriva a Londra per esibirsi in una serie di concerti. Sono passati trent’anni da quando ha conquistato la fama con Il mago di Oz: la voce è appannata, ma la verve è sempre più fulgida. Si prepara per lo spettacolo, incanta i musicisti, ricorda i bei tempi con amici e fan adoranti, mentre il suo brio e il suo calore non fanno che crescere. Anche il suo lato romantico non è offuscato, e la spinge a farsi travolgere da un’appassionata storia d’amore con Mickey Deans, che diventerà il suo quinto marito. Eppure Judy è una donna fragile: dopo aver lavorato per quarantacinque dei suoi quarantasette anni, è esausta, ossessionata dai ricordi della sua infanzia perduta a Hollywood, assillata dal desiderio di tornare a casa dai suoi figli.


Martedì 22 ottobre @ Auditorium Parco della Musica
 
19.00    Red Carpet
19.30    Proiezione ufficiale – Sala Sinopoli

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
RomaToday è in caricamento