Fiumicino: "Rapine e furti si susseguono a ritmo quotidiano"

La denuncia dei consiglieri d'opposizione del Comune aeroportuale dopo il 'colpo' a mano armata messo a segno all'Old Wild West di Parco Leonardo

Il Comune di Fiumicino

"Ora basta. Così non si può più campare. L’ennesima rapina ai danni di un esercizio commerciale di Fiumicino deve essere un campanello d’allarme per tutti. Bisogna muoversi, fare qualcosa di concreto lasciando da parte le solite scuse. Di vuote parole questa città non sa più che farsene. Ne abbiamo le tasche piene". A parlare sono i consiglieri di opposizione del centro destra del Comune di Fiumicino e la rapina di cui parlano è quella avvenuta questa notte nel ristorante Old Wild West di Parco Leonardo, a Fiumicino.

Lamentano un incrementarsi delle rapine in un territorio che prima poteva definirsi quasi tranquillo. "Quello che comincia a far paura - continuano - è la frequenza di questi atti criminosi: rapine e furti si susseguono a ritmo quasi cadenzato, quotidiano. Per quanto se ne dica prima non era così. La microcriminalità c’era ma questa frequenza non si era mai vista. Se qualcuno non se ne fosse accorto è arrivato il momento di agire. Basta con i giochi delle parti. Basta con i balletti". 

Immancabili le polemiche verso l'amministrazione attuale di sinistra del Comune che in campagna elettorale aveva promesso soluzioni che poi non sono state è portate avanti: "La sinistra si prenda le proprie responsabilità una volta per tutte. Ha basato - ricordano i consiglieri - tutta la propria campagna elettorale sventolando il tema della sicurezza e promettendo soluzioni immediate. Una volta al timone quella rivoluzione è solo un ricordo, anzi. Quello che era stato fatto con anni di fatiche è stato gettato al secchio".

Il gruppo consiliare chiede soluzioni più rapide e concrete per la soluzione di un problema più che mai attuale e che può portare a conseguenza più gravi di quanto previsto: "Quando le cose vanno male non si possono sempre accampare le solite scuse: la sicurezza è compito delle forze dell’ordine, la competenza è del Governo (Pd), il Comune non c’entra, la colpa è di chi c’era prima. Ora è il momento di mettere da parte queste affermazioni francamente ridicole e agire prima che succeda qualcosa di ben più grave. Se non si fa qualcosa - concludono i consiglieri - c’è il rischio che ci si inizi a difendere da soli. Tragedie come quella di qualche mese fa e che tutti abbiamo ancora bene impressa nella mente, non vogliamo più vederne".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento