Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Baldassare a Tiburtina per il piano freddo: "Decreto sicurezza? Anche il Governo faccia la sua parte"

 

L'assessora Laura Baldassarre ha visitato ieri sera i centri allestiti per l'emergnza freddo dalla Sala operativa sociale di Roma Capitale insieme alla presidente della commissione Politiche Sociali Agnese Catini e all'omologo assessore del XIV municipio Andrea Maggi. Romatoday l'ha interpellata alla stazione Tiburtina dove, nell'androne di passaggio tra la metro e la stazione, sul lato est, sono state allestite trenta brandine. Proprio lì la prima notte, quella tra giovedì e venerdì, 24 letti sono rimasti vuoti "perché già destinati ad altri senza tetto" a fronte di una ventina di persone rimaste 'fuori'. La notte di venerdì, a Tiburtina, le operazioni si sono invece svolte senza alcun inconveniente e le persone che hanno deciso di accedere al servizio sono state registrate sul posto. 

Presso il centro per l'emergenza freddo e destinato a senza fissa dimora allestito a Tiburtina, anche venerdì sera, si sono presentati solamente migranti africani esclusi dai circuiti dell'accoglienza o transitanti. Non molto distante da lì fino a novembe, c'era il presidio organizzato dall'associazione Baobab, poi sgomberato. Gli attivisti hanno aperto un tavolo con il Comune chiedendo che venga allestito un hub per la prima accoglienza proprio alla stazione Tiburtina. Tra nuovi sbarchi e i cosiddetti 'dublinati' (migranti rimandati in Italia da altri paesi dell'Unione Europea in quanto paese di primo approdo), i volontari hanno denunciato che sempre nuovi migranti si ritrovano a vivere per strada. E il numero, con l'approvazione del decreto Sicurezza e l'abolizione del permesso umanitario, potrebbe aumentare. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
RomaToday è in caricamento