Sgomberi e notti all'addiaccio, il destino dei migranti a Roma: il Baobab chiede soluzioni

I volontari di via Cupa e i transitanti hanno protestato sotto la Prefettura: "Basta sgomberi: è politica inutile e disumana"

foto Agenzia Dire

"Basta sgomberi" - questo lo slogan più ricorrente alla manifestazione dei volontari del Baobab e dei migranti che questa mattina si sono ritrovati sotto la Prefettura di Roma. Un sit in per chiedere soluzioni definitive e positive per una questione che seppur umanitaria è trattata come "ordine pubblico". 

Sgomberi continui, notti all'addiaccio, paure e insicurezze: a questo sono sottoposti i transitanti della Capitale con il Baobab ad essere "l'unica realtà romana - sottolineano i manifestanti - che dà supporto logistico e morale a centinaia di migranti che ogni giorno transitano a Roma dopo essere sbarcati in Sicilia, per poi continuare il viaggio verso il Nord Europa". 

Dal 30 settembre, giorno dello sgombero della sede storica di Via Cupa, ad oggi sono stati cinque gli sgomberi che volontari e migranti hanno dovuto subire. 

"Siamo qui per manifestare e chiedere che s'interrompano subito gli sgomberi - dice un volontario del Baobab - Questa è una politica inutile e disumana, ed è assurdo che le istituzioni non riescano a trovare soluzioni per questi migranti in transito".

Il Baobab, grazie anche all'associazionismo romano, riesce a fornire ai transitanti tre pasti al giorno oltre all'assistenza medica e legale: un supporto che però con gli sgomberi continui diventa difficile poter portare avanti. 

Nelle ultime settimane i volontari del Baobab si erano sistemati a piazzale Spadolini, alla Stazione Tiburtina, dove avevano trovato riparo nel parcheggio sotterraneo: anche da li sono stati sgomberati dalla Polizia che ha poi murato finestre e porte della struttura. Da li le tende si erano spostate all'esterno con l'ennesimo sgombero a rimuovere l'accampamento.

"Ci hanno detto che il parcheggio era fuori norma, ma è ovviamente una scusa" - afferma un altro volontario del Baobab sottolineando come ora i migranti siano costretti a dormire in strada. 

"Non abbiamo un posto dove stare. Fuori fa freddo e piove" - dice nel suo intervento di richiesta d'aiuto Beraki, giovane eritreo transitante. 

"Noi siamo qui perchè vogliamo chiedere al governo e allo Stato che ci venga dato un posto al chiuso dove poter dormire" - l'stanza che arriva dai migranti. La stessa che si ripete da mesi senza però che si scorgano soluzioni all'orizzonte.  
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • "Bello FiGo ft the Gynozz: Non pago afito".... grandissima hit rap che si ascolta e si canta a via Cupa....

  • ma questi signori di via cupa ma non hanno niente altro da fare??? perchè non vanno a lavorare? evidentemente speculano anche loro sul "business" dei migranti...

  • Posso capire benissimo le ragioni dei volontari e dei transitanti...ma questo non è un problema di ordine pubblico, ma di decoro della nostra Città!!!! Se da una parte le Istituzioni dovrebbero e potrebbero fare di più, dall'altra i cittadini onesti che pagano le tasse non possono vedere che la loro città venga trattata in questo modo!!! Ci sono tanti romani che non hanno casa né lavoro....lo Stato prima di pensare ai transitanti ha il dovere di pensare a loro!

  • Mah...è normale utilizzare un parcheggio sotterraneo come accampamento!? Siccome mi sembra che l'Italia sta facendo tanto (per i miei gusti anche troppo) per i migranti, quest'ultimi si attengano alla legge, già per altro non molto rispettata, visto che molti sono irregolari e non identificati, e dunque le forze di polizia identificandoli non fanno altro che GIUSTAMENTE il loro dovere; e se li sgomberano (FINALMENTE) è perché evidentemente si è giunti ad una situazione al limite.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esce per stendere i panni e il terrazzo crolla su un garage: ferito 57enne

  • Politica

    Trattenute "ingiuste" e vigili assolti per il Capodanno: "Comune dovrà pagare 3 milioni di euro"

  • Politica

    Ex Gil di Trastevere a luglio torna alla città: sarà uno spazio dedicato alla creatività

  • Cronaca

    Ucciso sul Raccordo, Budroni condannato da morto: la Corte annulla la sentenza

I più letti della settimana

  • L'Anello ferroviario chiuderà alle auto: dal 2018 solo con bonus e pedaggi

  • Da via Cavour alla Togliatti: il M5S lavora a quattro nuove linee di tram

  • All'Eur arriva il gran premio: il Campidoglio dice sì alla Formula E

  • Portonaccio, rivoluzione alla viabilità: apre lo svincolo della tangenziale e arriva la preferenziale

  • Roma Tpl, lavoratori senza stipendi bloccano il servizio: soppresse 43 linee

  • Colombo a 30 e 50 km/h, la politica non decide ed è caos: "Così quei limiti diventano definitivi"

Torna su
RomaToday è in caricamento