I negozi di Roma spengono la luce, vetrine e insegne oscurate: "Nostro futuro al buio"

La protesta dei commercianti contro "politiche sbagliate", il dilagare di centri commerciali e online: "Rischiamo di scomparire e di lasciare una città vuota e spenta"

Roma resta al buio. Mercoledì 2 ottobre per due ore, dalle 18 alle 20, tantissimi negozi della città spegneranno la luce per denunciare le condizioni di precarietà e sofferenza in cui versa il piccolo commercio romano. 

La protesta dei commercianti di Roma: "Spegni la luce"

Sotto accusa "cordoli e varchi Ztl sempre più stringenti, trasporti inefficienti, scarso decoro delle strade", ma anche "le merci della grande distribuzione sempre in saldo e la disparità fiscale tra i piccoli negozi e i colossi online". 

Ad organizzare la protesta Roma Produttiva: associazione dei commercianti che al suo interno raccoglie le associazioni via Sistina - via Crispi; La Roltonda, Banchi Vecchi, Artigiani Rione Monti, Assomalia e Botteghe Storiche di Roma. 

Negozi spenti per protesta: "Il futuro del commercio è al buio"

Così nel giorno della protesta fari, vetrine, neon e insegne resteranno spenti per due ore. I negozi invece saranno regolarmente aperti e pronti ad accogliere la clientela.

Adesione di massa da parte dei commercianti di viale Somalia, viale Eritrea e viale Libia: il quadrante in cui è nata l'idea. Ma non solo: resterà al buio anche parte del centro storico fino ad arrivare a piazza Anco Marzio, il cuore pedonale di Ostia. 

"Il futuro del commercio è al buio, ecco perchè abbiamo deciso di spegnere la luce. Il nostro intento è quello di dare una proiezione su come potrebbe essere la città se le cose continueranno ad andare così. Tra un po' ci ritroveremo davanti una Roma buia e spenta" - ha spiegato a RomaToday Giulio Anticoli, presidente di Roma Produttiva.

Commercianti contro ztl, preferenziali e trasporti inefficienti

Due ore di atmosfera grottesca quella alla quale puntano gli esercenti della Capitale. "E' chiaro che le politiche di questa città, a cominciare da quelle legate alla mobilità, vanno contro il commercio di vicinato: il prolungamento delle ztl e i cordoli per le perferenziali, soprattutto su viale Libia e viale Eritrea, stanno mettendo in grossa crisi i commercianti. Non sono state create le alternative, nulla per facilitare. Non parliamo poi - ha aggiunto il presidente di Roma Produttiva - del centro storico rimasto a lungo isolato a causa delle stazioni metro chiuse. Anche gli antichi romani sapevano che se si interrompono le vie di comunicazione la città muore". 

La battaglia dei negozi contro e commerce e centri commerciali

Sotto accusa anche il dilagare dei centri commerciali, con l'ultimo aperto proprio alle spalle del Salario e a pochi chilometri dal gigantesco Porta di Roma. 

"Purtoppo - la constatazione di Roma Produttiva - non c’è possibilità di salvezza con una politica disattenta a questioni così sostanziali". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Sciopero generale venerdì 25 ottobre, dai trasporti alla scuola: Roma a rischio caos

  • Salvini a Roma: in 40mila in piazza per il leader della Lega. Strade chiuse e bus deviati

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

Torna su
RomaToday è in caricamento