Aggressione giornalisti L'Espresso: arrestati i camerati Castellino e Nardulli

Le ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite dagli investigatori della Digos. Dovranno rispondere di rapina aggravata e lesioni aggravate

Giuliano Castellino e Vincenzo Nardulli (foto facebook Roberto Fiore)

Sono stati arrestati questa mattina Giuliano Castellino e Vincenzo Nardulli indagati per rapina aggravata e lesioni aggravate.Sono stati gli investigatori della Digos a notificargli il provvedimento restrittivo nell’ambito di una indagine svolta con il Sostituto Procuratore della Repubblica dottor Albamonte.

I fatti risalgono allo 7 gennaio, quando due giornalisti de L'Espresso denunciarono di essere stati aggrediti dai due camerati nel corso della commemorazione per Acca Larenzia organizzata dai fascisti al cimitero monumentale del Verano a San Lorenzo. 

A dare notizia dell'arresto dei due il leader di Forza Nuova Roberto Fiore: "Sono stati arrestati questa mattina Giuliano Castellino e Vincenzo Nardulli per i fatti del Cimitero Verano, quando due giornalisti de "L'Espresso", che avevano scattato foto a minorenni (parenti di alcuni militanti presenti alla cerimonia commemorativa), furono affrontati da Castellino e Nardulli"

La conferma è poi arrivata dalla Questura di Roma. Le misure cautelari agli arresti domiciliari, emesse dal Gip del Tribunale di Roma, dott.ssa Mara Mattioli, riguardano l’aggressione di due giornalisti del gruppo Espresso, avvenuta nel pomeriggio del 7 gennaio scorso al Verano in occasione della commemorazione della strage di Acca Larentia, indetta presso il Mausoleo dei Martiri Fascisti dalla Comunità di Avanguardia Nazionale a cui hanno partecipato circa 60 persone, militanti avanguardisti e militanti di Forza Nuova.

Mentre i due giornalisti documentavano lo svolgimento della commemorazione attraverso riprese video – fotografiche, venivano aggrediti da alcuni partecipanti alla commemorazione, in quanto avevano effettuato registrazioni senza il loro consenso.

Così, dopo averli accerchiati separatamente, mentre percuotevano violentemente uno, minacciavano di morte l’altro, per poi picchiarlo, con calci e pugni, sottraendogli anche il documento d’identità per conoscerne le generalità, tutto al solo fine di impossessarsi, con violenza fisica e minacce di morte, del materiale registrato nel corso della celebrazione ed impedire loro di esercitare il diritto di libertà di stampa.

Le indagini condotte dalla Digos di Roma hanno permesso di accertare che tra gli assalitori c’era anche il capo romano di “Forza Nuova” Giuliano Castellino, che nonostante fosse sottoposto al regime della sorveglianza speciale si trovava sul luogo e Vincenzo Antonio Nardulli, elemento di spicco della “Comunità di Avanguardia Nazionale”, nata dalle ceneri di Avanguardia nazionale, movimento disciolto nel 1976 per ricostituzione del partito fascista.

Nel corso dell’attività di polizia giudiziaria sono state eseguite perquisizioni nelle abitazioni dei due leader di estrema destra, che hanno consentito di rinvenire materiale di interesse investigativo.

"Il video dell'evento - commenta Roberto Fiore su facebook - è stato visto da decine di migliaia di persone, che hanno potuto constatare che vi fu soltanto un'animata discussione. Esiste anche un rapporto della Digos, presente durante il diverbio, in cui si dichiara che non ci fu aggressione. Inoltre, i due giornalisti de "L'Espresso", alla fine del confronto, riferirono di non voler denunciare, ma cambiarono idea non appena arrivati alla sede del giornale".

"È l'ennesimo attacco contro Castellino, attivista forzanovista, che paga con il carcere o - come in questo caso - i domiciliari, la propria militanza radicale e senza compromessi. Con la temporanea assenza di Castellino - continua il leader di Forza Nuova - non si bloccherà l'attività romana del movimento, che si stringe attorno al coordinatore romano, nonché dirigente nazionale". 

"Forza Nuova - conclude - convoca, quindi, una mobilitazione per sabato 30 marzo alle ore 16 in Piazza Scotti (sotto casa di Giuliano Castellino) per chiedere l'immediata liberazione di Castellino e Nardulli".

Roberto Fiore arresti Castellino e Nardulli-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • Caro Marco. Vigliacchi saranno i tuoi nonni che prima si nascondevano come topi nelle fogne e poi si sono autoproclamati eroi nel momento in cui dovevano sputare su un morto appeso a testa in giù. Certo questo è proprio quello che si chiama coraggio...... Coraggio di saccheggiare donne e bambini quando i loro padri non erano in casa; Coraggio di stuprare ragazze solo perché avevano fatto la scelta di diventare SAF; Coraggio di uscire fuori quando non c’era più niente da combattere. Bravi questi nonni e bravi i loro nipoti, figli di una Italia vile, traditrice e senza alcun valore se non quello dell’egoismo e dell invidia.

  • I giovani fascisti di oggi e I loro nonni adorano un vigliacco come Mussolini che finita la guerra è stato preso che cercava di scappare in Svizzera travestito da soldato tedesco....che condottiero,un condottiero dal nome VIGLIACCO.

  • ENNIO FLAIANO, 1976. Il Fascismo conviene agli italiani perché è nella loro natura e racchiude le loro aspirazioni, esalta i loro odi, rassicura la loro inferiorità. Il Fascismo è demagogico ma padronale, retorico, xenofobo, odiatore di culture, spregiatore della libertà e della giustizia, oppressore dei deboli, servo dei forti, sempre pronto a indicare negli 'altri' le cause della sua impotenza o sconfitta. Il fascismo è lirico, gerontofobo, teppista se occorre, stupido sempre, ma alacre, plagiatore, manierista. Non ama la natura, perché identifica la natura nella vita di campagna, cioè nella vita dei servi; ma è cafone, cioè ha le spocchie del servo arricchito. Odia gli animali, non ha senso dell'arte, non ama la solitudine, né rispetta il vicino, il quale d'altronde non rispetta lui. Non ama l'amore, ma il possesso. Non ha senso religioso, ma vede nella religione il baluardo per impedire agli altri l'ascesa al potere. Intimamente crede in Dio, ma come ente col quale ha stabilito un concordato, do ut des. È superstizioso, vuole essere libero di fare quel che gli pare, specialmente se a danno o a fastidio degli altri. Il fascista è disposto a tutto purché gli si conceda che lui è il padrone, il padre.

  • Si sì è proprio un perseguitato dalla polizia poveruomo è una così brava persona

  • Questa di chiama la sindrome degli Angeli....quella che prima ti fa affermare che non è successo niente perché in effetti nessuno a sfiorato nessuno, dopodiché, una volta capita la mediaticita e soprattutto il guadagno della vicenda, ti fa diventare magicamente vittima di una rapina aggravata!!!! ????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

  • ...intimidire e aggredire è nel loro DNA...i veri democratici tutti devono capire che con i squadristi bisogna essere inflessibili..

    • ...nel tuo ci metterei un pò di Italiano.

      • ENNIO FLAIANO, Don't Forget, 1976. Il Fascismo conviene agli italiani perché è nella loro natura e racchiude le loro aspirazioni, esalta i loro odi, rassicura la loro inferiorità. Il Fascismo è demagogico ma padronale, retorico, xenofobo, odiatore di culture, spregiatore della libertà e della giustizia, oppressore dei deboli, servo dei forti, sempre pronto a indicare negli 'altri' le cause della sua impotenza o sconfitta. Il fascismo è lirico, gerontofobo, teppista se occorre, stupido sempre, ma alacre, plagiatore, manierista. Non ama la natura, perché identifica la natura nella vita di campagna, cioè nella vita dei servi; ma è cafone, cioè ha le spocchie del servo arricchito. Odia gli animali, non ha senso dell'arte, non ama la solitudine, né rispetta il vicino, il quale d'altronde non rispetta lui. Non ama l'amore, ma il possesso. Non ha senso religioso, ma vede nella religione il baluardo per impedire agli altri l'ascesa al potere. Intimamente crede in Dio, ma come ente col quale ha stabilito un concordato, do ut des. È superstizioso, vuole essere libero di fare quel che gli pare, specialmente se a danno o a fastidio degli altri. Il fascista è disposto a tutto purché gli si conceda che lui è il padrone, il padre.

      • che non sai.

  • c’era anche il capo romano di “Forza Nuova” Giuliano Castellino, che nonostante fosse sottoposto al regime della sorveglianza speciale si trovava sul luogo

    Le chiacchiere stanno a zero: sei leader di un movimento e ti fai prendere dalla rabbia da farti denunciare mentre sei già sorvegliato speciale. Ma come faccio a seguirti? Devo per forza essere ancora meno furbo di te.

  • Ma perché questa feccia gira per le nostre strade? Dobbiamo proprio tenercela questa immondizia? Si dovrebbe una buona volta istituire lo smaltimento indifferenziato di questa tipologia di immondizia, si respirerebbe aria MOLTO piú sana.

Notizie di oggi

  • Politica

    La Lega assedia il Campidoglio e blocca il Salva Roma: "Raggi non ha controllo della città"

  • Cronaca

    Picchiato per sei euro, morto in ospedale il 75enne rapinato al Corviale

  • Cronaca

    È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Cronaca

    Residenti ritrovano bici rubate a bimbi disabili: la storia di Giorgio e Riccardo è la più bella sorpresa di Pasqua

I più letti della settimana

  • Giustiniana, bimbo di 8 anni precipita dal quinto piano

  • È morto Massimo Marino, personaggio cult delle notti romane

  • Via Crucis al Colosseo: venerdì metro chiusa. Le strade chiuse e le deviazioni

  • Scuola: 18 istituti della Capitale restano aperti anche per Pasqua

  • Usura, droga ed estorsioni: nuovo colpo al clan Casamonica. 23 arresti. Fra loro 7 donne

  • Viale Manzoni: perde controllo dello scooter e si schianta, morto un 26enne

Torna su
RomaToday è in caricamento