rotate-mobile
Tuscolano

MunX, nasce il comitato che vigilerà sul raddoppio della Roma-Formia

Istituito dal Municipio X un comitato per vigilare sui lavori di raddoppio della linea Roma-Formia. Medici: "Se Rete Ferroviaria Italiana apre dei cantieri senza comunicarlo alle istituzioni locali commette un errore"

Il progetto di ampliamento della tratta ferroviaria Roma-Formia, avviato dalla Rete Ferroviaria Italiana, ha recentemente attirato l’attenzione e le critiche del Municipio X: i lavori toccherebbero infatti diverse aree di pregio, come ad esempio il Parco degli acquedotti. Il Municipio X ha quindi costituito un comitato per vigilare sui lavori, al fine di tutelare sia gli abitanti sia i beni stessi del territorio. Ferrovie dello Stato ha comunque specificato che, nel caso venissero trovati reperti importanti o ordigni bellici, i cantieri aperti verrebbero subito chiusi.

SANDRO MEDICI - “Ci siamo riuniti in giunta - ha spiegato Sandro Medici, presidente del Municipio X - non sapevamo nulla di questa operazione. Se Rete Ferroviaria Italiana apre dei cantieri senza comunicarlo alle istituzioni locali commette un errore. Un progetto che prevede un raddoppio della tratta Roma Formia attraverso aree di pregio come il Parco degli acquedotti e vicino a zone densamente abitate deve prevedere la partecipazione di tutti i soggetti coinvolti. Per questo anche nel X Municipio si è costituito un comitato che vigilerà sul progetto".

"Ho chiesto ai miei tecnici di entrare in contatto con Rfi per avere spiegazioni sui lavori. Il raddoppio non è una novità - ha poi concluso Medici - fu presentato già otto anni fa. Chiedemmo però che fossero costruite due stazioni per la linea passeggeri, una allo Statuario l’altra in via Selinunte. Un modo per favorire pendolari e cittadini”.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MunX, nasce il comitato che vigilerà sul raddoppio della Roma-Formia

RomaToday è in caricamento