Lunedì, 15 Luglio 2024
L'emergenza / Appio Latino / Via Carlo Sigonio, 4

"Anziani e disabili da due mesi senz'acqua": cresce la lista dei palazzi di Roma che restano a secco

In via Carlo Sigonio 4, nel municipio VII, si trova un altro dei condomini in cui l'acqua manca quasi ogni giorno. E a farne le spese sono soprattutto i più fragili

Persone con disabilità e anziani ultra 80enni costretti a fare i conti con interruzioni quasi quotidiane dell’acqua, sia di giorno che di notte. Un disagio importante per tutti, ma che diventa ancora più insopportabile quando a doverlo affrontare sono i più fragili, per cui in alcuni casi anche scendere al supermercato per andare a comprare delle bottiglie d’acqua non è azione scontata. I problemi alla fornitura dell'acqua, che da mesi tormenta numerosi palazzi del municipio VII, gravano soprattutto su chi è in difficoltà, come racconta Giuseppe Paciucci, residente e amministratore di condominio del palazzo di via Carlo Sigonio 4: “Trenta appartamenti – spiega – in cui vivono persone con disabilità e anziani. Oltre a famiglie con bambini piccoli”. 

La denuncia 

Le interruzioni dell’acqua nel palazzo si verificano da due anni, ma si sono intensificate a partire dallo scorso aprile: “Negli ultimi due mesi – sottolinea Paciucci – l’acqua è mancata quasi ogni giorno e negli orari più disparati, a volte per un intero fine settimana. Oggi, 18 giugno, alle 17 è di nuovo andata via dopo essere tornata per alcuni giorni. Non si può vivere così”. Paciucci ha anche presentato una denuncia contro Acea alla questura di Roma, a seguito delle reiterate interruzioni: “Telefonate, pec, segnalazioni e ora anche la denuncia non sono servite a sbloccare la situazione – sottolinea – sappiamo per certo che il problema non è l’impianto interno perché l’abbiamo fatto controllare di recente. Nei giorni scorsi Acea ha installato un dispositivo per misurare la pressione nel nostro condominio. Vediamo se ci faranno avere aggiornamenti a breve”. 

Pec e interrogazioni ad Acea

Sulla questione si sono mossi anche il gruppo di Forza Italia del municipio VII e il Movimento cinque stelle, che ha presentato un’interrogazione a risposta scritta. Ad Acea ha chiesto spiegazioni anche il presidente del municipio VII, Francesco Laddaga, a cui i residenti si sono rivolti per chiedere un sostegno. “Abbiamo da subito sollecitato Acea su tali disservizi – spiega il minisindaco - per i quali si stanno svolgendo verifiche e prove tecniche per risalire alla causa”. Giovedì 20, inoltre, è fissato un incontro tra i responsabili dell’azienda e municipio. La speranza dei residenti che da via Gino Capponi 76 a viale Furio Camillo 50 fino a via Eurialo, passando per via Appia Nuova 433, via Mestre 16, via Eurialo 92 C, piazza Ragusa, via Coriolano e via delle Cave, in queste settimane hanno segnalato i disservizi, è riuscire ad avere da Acea informazioni sulle possibili cause. Così da cercare di risolvere il problema, soprattutto per i più fragili. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Anziani e disabili da due mesi senz'acqua": cresce la lista dei palazzi di Roma che restano a secco
RomaToday è in caricamento