Tuscolano Don Bosco / Via Tuscolana, 791

Granata in via Tuscolana, i residenti: “Credevo fosse un attentato”

A 24 ore dall'esplosione, costata la vita ad un operaio 27enne, i residenti di via Tuscolana ricordano con terrore i momenti successivi all'incidente: "Ho pensato che avessero fatto un attentato alla Metro"

Il giorno dopo l’esplosione di una granata in via Tuscolana, incidente che un operaio ha pagato con la vita, i residenti sono ancora increduli sull’accaduto. Una granata è esplosa infatti all’interno 2 del civico 791 di via Tuscolana, e un residente dello stabile ricorda: “Ho pensato subito ai petardi dovuti alla nazionale di calcio, poi però il botto era stato troppo forte, cosi ho pensato addirittura che avessero fatto un attentato alla Metro”.

“E stato un botto incredibile – spiega invece un cittadino straniero, che al momento dell’esplosione si trovava di fronte alla palazzina – ho subito raccolto tutta la mia merce perché vedendo il fumo ho subito pensato ad un incendio”. La deflagrazione, avvenuta intorno alle 13, ha quindi allertato tutti nelle vicinanze, e pensare che “le finestre per foruna erano aperte – ha raccontato un altro residente – altrimenti l’esplosione sarebbe stata ancora più devastante. Per non parlare del caso in cui fossero esplose le altre tre granate presenti nell’appartamento”.

Una signora, invece, ricorda con emotività il momento dell’arrivo dell’ambulanza, quando la vittima 27enne è stata caricata ancora viva: “Il torace era tutto coperto, ma già dalle ferite sul viso si capiva che la cosa era grave. Poi me ne sono andata perché la scena era troppo forte e mi impressionava”. L’ex militare, proprietario dell’appartamento, è comunque finito in manette per detenzione di armi da guerra e la denuncia per morte in conseguenza di altro reato.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Granata in via Tuscolana, i residenti: “Credevo fosse un attentato”

RomaToday è in caricamento