menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Partecipazione e impegno: a piazza Don Bosco scendono in campo gli "anticorpi" sociali

Sabato 7 è prevista in Piazza Don Bosco una grande manifestazione organizzata da cittadini, comitati di quartiere ed associazioni territoriali. "Puntiamo sulla ricostruzione di un welfare territoriale che parta dal reddito"

Laboratori, musica e dibattiti. Dalle 17 alle 20 piazza San Giovanni Bosco apre alla cittadinanza. E lo farà, per dare spazio a quegli "anticorpi" che secondo Cantone sono venuti a mancare a Roma. Gli anticorpi della società civile, "stanca stanchi di  una politica che si presenta solo per un interesse mediatico o un tornaconto elettorale", come si legge in uno dei voltantini preparati per l'evento.

IL CAMBIAMENTO ED IL WELFARE SOCIALE - "Sabato pomeriggio i cittadini e le cittadine si mobilitano per difendere la Costituzione, la democrazia e la libertà in tutte le sue declinazioni e combattere contro tutte le mafie e la corruzione. La cittadinanza - si legge in una nota diramata dagli organizzatori -  assume un ruolo di presidio, controllo e garanzia per il cambiamento della nostra città" Un cambiamento che passa, inevitabilmente, per il territorio e per la sfera economica. Secondo gli organizzatori infatti è necessario ricostruire un "sistema di welfare territoriale che parta dal reddito,  strumento necessario per contrastare la marginalità sociale in cui le mafie trovano terreno fertile".

PARTECIPAZIONE ED IMPEGNO - Per vincere la battaglia contro le mafie e la corruzione, i cittadini hanno deciso di scendere in campo. La scelta del luogo poi, non è casuale. Si tratta infatti della stessa piazza dove quest'estate si sono svolti i discussi funerali di Vittorio Casamonica. La medesima piazza dove poi, il Commissario Democratico Matteo Orfini, aveva lanciato una manifestazione antimafia. Quell'iniziativa, venne immediatamente boicottata dalla Comunità Territoriale e da molte delle realtà che stanno lanciando l'evento del 7 novembre. Un'occasione per dimostrare come, con la partecipazione e l'impegno di tutti, è possibile ricostruire un'alternativa al degrado, all'abbandono, alla corruzione ed alle mafie.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
De Magna e beve

Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Attualità

Coronavirus, a Roma 534 casi. Sono 1243 i nuovi contagi nella regione Lazio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento