Giovedì, 18 Luglio 2024
Don Bosco Cinecittà / Piazza di Cinecittà, 11

Raccolta Differenziata, Sandro Medici spera in un miglioramento ma non esclude un passo indietro

Il presidente del Municipio X, Sandro Medici, è intervenuto nel Consiglio Municipale sulla raccolta differenziata: ""Capire se questa sperimentazione può diventare vincente o avere il coraggio di ammettere il fallimento e ritirarla"

Oggi si è tenuto in Municipio un Consiglio Municipale dedicato al tema della raccolta differenziata. Tra i numerosi interventi di cittadini, consiglieri e tecnici Ama, il presidente Sandro Medici ha espresso il suo punto di vista a riguardo. “L'atteggiamento dell'Ama è molto apprezzabile, in quanto disponibile a capire le problematiche e apportare delle modifiche – ha subito specificato il presidente del Municipio X - Se questa città vuole proiettarsi verso il futuro con serenità deve spingere certi processi, io non penso che qui si possa applicare un sistema come nelle piccole dimensioni, quindi la sperimentazione che stiamo facendo, che mostra delle criticità, ci restituisce che non è facile applicare la differenziata alle nostre periferie”.

ESPERIMENTO FALLITO - La sperimentazione della raccolta differenziata era prevista, inizialmente, per i quartieri di Quarto Miglio, Statuario Capannelle e Cinecittà Est. Lo spostamento di tale sperimentazione nel quartiere Don Bosco, che il tempo ha indiscutibilmente dimostrato essere quantomeno azzardata, non trova tuttora un vero artefice. Nessuno all’interno del Consiglio afferma di sapere nulla, ed a proposito anche Medici ha chiosato: “Lo spostamento della sperimentazione è stata una scelta a cui non fummo in grado di contrapporci. Non so a chi chiedere il motivo di questa scelta. Noi quella scelta non l'abbiamo capita, è stata una scelta 'aziendale'. Dopodiché il progetto e partito ed ora siamo qui a dire che quella sperimentazione non ha funzionato. Tutti noi abbiamo dato un contributo per aiutare questo processo, ma questa raccolta duale, per come e come concepita, deve vedere la compartecipazione dei cittadini. Nel porta a porta sarebbe tutto diverso, più semplice, invece in questo tipo di raccolta il contributo dei cittadini e fondamentale”.

Parlando della mozione in oggetto, invece, Medici ha commentato: “In questa mozione mi pare ci sia una richiesta già introdotta dall’ingegnere dell’Ama Perone. Creare un tavolo dove si segua questa evoluzione passo passo, fin al punto che se non si riesce a stare dietro a questa raccolta non dobbiamo escludere l'idea di eliminare questa operazione. Un’eventualità che non dobbiamo escludere. Per verificare davvero se il caso di continuare o tornare indietro, accogliamo questa richiesta di un incremento di questi cassonetti dell'indifferenziata. Questo potrebbe mettere le famiglie psicologicamente in condizione di integrarsi in questa raccolta. Sarà fondamentale estendere l'orario e le postazioni di raccolta dell'umido. – Medici ha poi continuato - Questo e uno dei pochi Municipi dove si raccoglie l'umido nel mercato. Da qui a un tempo che possiamo definire insieme, creiamo questo tavolo per seguire meglio la situazione, e nel frattempo apportare queste piccole modifiche. Dobbiamo accompagnare questo progetto, insieme ai cittadini, per capire veramente se questa sperimentazione può diventare vincente o, in caso negativo, avere il coraggio di ammettere il fallimento e ritirarla”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raccolta Differenziata, Sandro Medici spera in un miglioramento ma non esclude un passo indietro
RomaToday è in caricamento