TuscolanoToday

Don Bosco, arrivano le nuove panchine nel "salotto urbano" di via Stilicone

Prosegue la sistemazione della strada che il Municipio VII ha trasformato in un luogo d'aggregazione. Assessore Vivace: "Dopo le panchine arriveranno tavoli da ping pong e tavolini. Ma abbiamo pensato anche ai più piccoli"

Il salotto urbano di Don Bosco entra nella fase 2. In questo caso però non c’è alcun riferimento al nuovo Coronavirus. Si tratta piuttosto di un secondo step nella realizzazione dell’isola pedonale di via Stilicone.

Le nuove panchine

Dopo l’apertura al pubblico, avvenuta nell’agosto del 2019 al termine della posa della nuova pavimentazione, l’area è stata dotata anche di nuove panchine. “Le sedute le avevamo già ordinate a settembre – ha raccontato Salvatore Vivace, assessore ai Lavori pubblici del Municipio VII – ed alcune le avevamo anche sistemate nella piazza, ma si trattava di sedute singole. Oggi abbiamo posato due nuove tipologie di arredo: mi riferisco alle panchine dal design a torciglione e di quelle più classice, realizzate in legno e muratura”.

Il salotto urbano

I lavori per trasformare un’area  in un punto d’aggregazione per l’intero quartiere, non sono terminati. “Abbiamo fatto disporre le nuove panchine in modo ravvicinato, per creare davvero l’effetto di un salotto urbano. Mancano ancora due tavoli da ping pong, previsti sempre in muratura, e due tavoli con sgabelli su cui ci si potrà sedere per giocare a carte”. Non solo. “Metteremo anche dei faretti che serviranno ad illuminare dal basso, valorizzandoli, i platani già presenti sulla strada”.

Il rilancio di via Stilicone

L’amministrazione ha deciso di riqualificare quel tratto di strada, su cui in passato sono calate tante saracinesche, nell’ottica anche d’un rilancio dei negozi di proprietà dell’INPS. Per anni sono stati abusivamente riconvertiti in abitazioni che ora, invece, attendono di tornare alla loro funzione originaria. Perché ciò avvenga l’amministrazione locale ha ritenuto fosse utile trasformare una parte di via Stilicone in un’isola pedonale.

Uno spazio anche per i bambini

Il nuovo spazio non è destinato ad accogliere, per ora con i limiti previsti dall’emergenza Coronavirus, solo i residenti più attempati. Il Municipio ha infatti pensato di riservare degli spazi anche alle giovani leve. “Abbiamo progettato di realizzare giochi come la campana e la pista delle biglie, che saranno disegnati sulla pavimentazione con delle resine naturali. Inoltre nell’isola pedonale sarà installata anche una capsula del tempo al cui interno – ha spiegato l’assessore Vivace – saranno sistemate lettere e disegni dai bambini del territorio”. La capsula sarà poi sigillata e lasciata a disposizione dei futuri residenti. I sogni, le fantasie e le emozioni che i minori trasferiranno sulla carta, resteranno al sicuro all’interno dell’involucro. Costituiranno un ponte ideale tra presente e futuro. Il recente passato, vissuto in maniera degradante da via Stilicone, è invece già alle spalle.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento