Giovedì, 29 Luglio 2021
Don Bosco Don Bosco / Piazza dei Consoli

Don Bosco, la Torretta e il centro anziani: la festa aspettando buone notizie

Il cuore del quartiere ospita la festa di fine estate. Il centro anziani attende che vengano mantenute le promesse di assegnazione ufficiale degli spazi. In esclusiva, ci hanno mostrato la struttura

La Torretta dei Consoli, storico punto del quartiere Don Bosco

Una festa per il quartiere. Questo è quanto ospiterà sabato 24 e domenica 25 la Torretta dei Consoli nella zona Don Bosco. Una festa di fine estate, organizzata dall'associazione  Vie e Piazze Storiche di Cinecittà e che non a caso si svolge in quello che è il cuore pulsante del quartiere: il centro anziani presso la Torretta dei Consoli.

“La festa di sabato”, ci spiega Amleto Lanna presidente dell'associazione  Vie e Piazze Storiche di Cinecittà, “sarà il nostro modo per dire grazie a tutti gli anziani che non solo si sono battuti per questo spazio, ma che rappresentano l'essenza, l'anima di questo quartiere”.

Un centro anziani, quello della Torretta dei Consoli, che è diventato l'unico vero centro aggregativo del quartiere. Mille e duecento iscritti e tante attività permettono, nella zona più densamente abitata d'Europa, ai tanti anziani del quartiere di avere un punto di riferimento importante. “Qui si viene per giocare a carte, per ballare, per stare insieme. Tutto è autofinanziato e tutto è cresciuto grazie al nostro spirito d'iniziativa. Quando si parla di sociale a me viene solo da rispondere: questo è il vero stato sociale”, ci spiega Pietro Aureli, presidente del Centro Sociale Anziani la Torretta.

LA STORIA - Una storia, quella del centro Anziani la Torretta, che inizia nel 1996 quando la giunta Rutelli decide di finanziare la ristrutturazione dell'antichissima struttura medievale usata come roccaforte contro i predoni della consolare Tuscolana. Gli anziani la eleggono a proprio luogo di ritrovo e presenziano a tutte le fasi della ristrutturazione. Varie vicissitudini, fanno sì che solo nel 2009, sotto la giunta Alemanno, la struttura possa dirsi ultimata.

Una struttura con molti spazi, bella e pulita. Così, all'improvviso, da zona dimenticata, la Torretta dei Consoli è diventata oggetto del desiderio di tanti. Molte infatti le istituzioni (Municipio e Comune su tutti) e le associazioni che ambiscono ad ottenere qualche spazio. Ad alimentare gli “appetiti” il fatto che nessuno, Campidoglio in primis, si è ancora espresso sulla destinazione della struttura. “Il Sindaco Alemanno”, spiega il presidente Aureli, “si è impegnato a “regolarizzare” la nostra posizione, ad affidarci ufficialmente gli spazi del piano terra e del primo piano. Noi l'abbiamo chiesto e ottenuto come suo impegno ufficiale. Ci auguriamo che ciò accada quanto prima”.

Attualmente infatti gli anziani risultano di fatto degli “occupanti abusivi”, presenti nella struttura senza titolo. Ecco perché è indispensabile che quanto prima arrivino tutte le autorizzazioni da parte del Comune. Nel frattempo infatti la paura è che, essendo il posto bellissimo, sia diventato anche ambito. Non a caso più di un'associazione e più di un'istituzione ha già richiesto degli spazi e non a caso sono circolate le ipotesi più disparate. Come ad esempio quella di destinare un piano intero alle associazioni e comitati del Municipio. Oppure quella di destinare le varie stanze a vari servizi socio sanitari del Campidoglio.


“Una cosa è certa: noi da qui non ci muoviamo”, spiega Aureli. “Siamo pronti a lottare per i nostri spazi. Per ottenerli abbiamo speso pazienza ed  abbiamo già lottato a lungo. Sono così belli anche e soprattutto grazie a noi. Per loro abbiamo già ricevuto numerosi complimenti, anche dallo stesso Alemanno”.

UN GIRO NELLA STRUTTURA - Visitando la struttura, come abbiamo fatto, infatti si può verificare quanto gli anziani apprezzino le attività  che vi si svolgono. C'è un frequentatissimo campo di bocce che da mattina a sera raccoglie le sfide tra gli anziani della zona. Spostandoci nel cortile ci accolgono decine di tavoli con centinaia di persone che usano il gioco delle carte per trascorrere in compagnia le proprie giornate. Dentro la musica del piano terra dà il segnale che è l'ora dei balli. E sono tanti gli anziani che si buttano in pista felici. Prima ancora della sala da ballo ci accoglie un ingresso con una bacheca in cui vengono certificate tutte, ma proprio tutte, le spese del centro. Ogni anziano infatti versa 1 euro al mese il cui utilizzo è tutto rendicontato nel minimo dettaglio. Saliamo al piano di sopra e troviamo una sala in cui in collaborazione con un'associazione attiva in ambito odontoiatrico, si svolgono degli incontri informativi molto apprezzati dagli anziani. Di fianco una sala, dove vengono ospitate, come accadrà sabato, le opere degli artisti del Centro Anziani.

Ci sono anche  spazi vuoti. Sono quelli ambiti da tutti e che dovranno essere assegnati. Amleto Lanna, presidente dell'associazione  Vie e Piazze Storiche di Cinecittà: “Questa è una struttura centrale per il quartiere. Ospita il Quartiere, la sua anima, quelli che l'hanno fatto. Gli anziani per noi sono tutto e solo loro possono decidere chi deve usufruire di quegli spazi. Noi saremo al loro fianco per difendere i loro diritti. La festa di sabato e domenica servirà anche a questo. Ribadirà, una volta di più, quanto questo quartiere ritenga centrale il ruolo di questo centro Anziani e di questa Torretta”.
 
Un messaggio chiaro per tutti, per chi deve mantenere le promesse e per chi deve rispettare un pezzo di storia dell'intero quartiere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Bosco, la Torretta e il centro anziani: la festa aspettando buone notizie

RomaToday è in caricamento