rotate-mobile
Tuscolano Don Bosco / Via Flavio Stilicone

Don Bosco: alla scoperta degli Atleti Speciali tra medaglie e assenza di strutture

Tra Don Bosco e Quadraro una dozzina d'Atleti con disabilità intellettiva si allena da anni , nonostante l'assenza di palestre e strutture idonee. Ottenendo importanti risultati anche a livello internazionale

Nel territorio del Municipio VII, da alcuni anni esiste una realtà poco nota ai più. Ma che, grazie agli sforzi di un piccolo gruppo di residenti, sta raggiungendo risultati ragguardevoli. Dal punto di vista sportivo. Ma forse, ciò che più conta in questi casi, è che le performance più importanti siano state raggiunge sul piano dell’integrazione.

L'ATTIVITA' SPORTIVA NEL TERRITORIO - Stiamo parlando degli atleti con disabilità intellettiva che si allenano con l’Associazione Sportiva Dilettantistica Star Games Sport. “ La nostra associazione è nata da un gruppo di genitori che nel 2001 ha deciso di unire le forze per favorire l’integrazione dei nostri ragazzi – ci spiega telefonicamente Priamo Enea, il Presidente dell’A.s.d. - Attualmente abbiamo una dozzina  d’atleti con differenti forme di disabilità intellettiva, che si allenano a Don Bosco presso la scuola Italo Svevo, ed al Quadraro dove, grazie all’Associazione Sportiva Preneste che ci mette a disposizione i propri attrezzi, i nostri atleti possono allenarsi anche per la Ginnastica Artistica. Con risultati eccellenti, sia dal punto di vista dell’integrazione che dal punto di vista sportivo”.

L'ASSENZA DI STRUTTURE MUNICIPALI - Ma i traguardi ottenuti dagli Atleti Speciali, hanno un valore doppio, perché sono stati raggiunti, come ci spiega sempre Enea  “sebbene continuiamo a non avere spazi e palestre a noi dedicate. E nonostante ciò, i nostri Atleti sono arrivati a partecipare a meeting e gare internazionali, dagli Stati Uniti alla Grecia, dove tre dei nostri ragazzi hanno preso parte alla Word Summer Games di Special Olympics” il più grande evento sportivo, per numero di Atleti coinvolti e nazioni partecipanti, di tutto l’anno 2011.

LA RICONOSCENZA DEL TERRITORIO - Dire tuttavia che nessuno nel territorio si sia accorto della presenza di Star Games Sport, non è del tutto corretto. “L’associazione vie e piazze storiche di Cinecittà ha preso una chiara posizione, da tempo, a sostegno dell’integrazione delle persone con disabilità che abitano il nostro territorio – fa notare Amleto Lanna, presidente dell’Associazione – Sappiamo perfettamente delle tre medaglie d’Oro, delle due d’Argento e delle due di Bronzo che sono riusciti a ottenere ad Atene. Ed infatti ringraziamo di questo Priamo Enea, la cui associazione risiede proprio in via Flavio Stilicone. Ma oltre a lui vogliamo ringraziare anche tutta la Giunta Fantino per quanto potrà fare a sostegno di questa splendida e poco conosciuta realtà del nostro amato territorio”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Don Bosco: alla scoperta degli Atleti Speciali tra medaglie e assenza di strutture

RomaToday è in caricamento