Tuscolano

Crisi Economica, l’assessore De Simoni: “Dai sogni alle scelte”

Massimo De Simoni, assessore alle Politiche economiche, al Bilancio e alla Sicurezza del Municipio X, commenta in una nota l'attuale situazione politica-economica italiana: "Ricominciamo a guardare al futuro con ottimismo"

L’assessore alle Politiche economiche, al Bilancio e alla Sicurezza del Municipio X, Massimo De Simoni, ha pubblicato una nota per esprimere il suo punto di vista riguardo la crisi economica che l’Italia sta vivendo.

“Con la fine del sogno berlusconiano, che da tempo si era trasformato in un vero e proprio incubo, siamo stati bruscamente riportati tutti con i piedi per terra di fronte alle responsabilità ed agli impegni assunti da un lato con l’Unione europea, dall’altro con noi stessi e con le generazioni di cittadini presenti e future. Sembra ormai lontanissima la scellerata satira con la quale si è cercato di nascondere la crisi, negandola e denigrando chi si diceva preoccupato per la situazione economica del Paese e per le crescenti difficoltà degli italiani.

Sembrano tempi lontani, ma purtroppo non sono così lontani come non lo sono neanche i rischi di collasso economico per l’Italia; è importante questa valutazione sui tempi per evitare che le difficoltà che stiamo attraversando si affastellino nella nostra testa l’una sopra l’altra in un modo confuso ed indistinto che non consente più di distinguere le diverse responsabilità politiche. Va dato atto al Presidente Monti di essersi messo al lavoro con encomiabile impegno e con uno sforzo che contempla anche gesti significativi e simbolici, come incontri e riunioni convocate anche di domenica, che contribuiscono a dare il senso dell’emergenza e della straordinarietà del momento.

Va anche ricordato che quella affidata a Monti ed alla sua squadra di governo è una missione di salvataggio per un paese stremato ed in condizioni di default economico e finanziario; un paese che rischia quindi di non riuscire a fare fronte neanche ai fondamentali impegni di tipo previdenziale e pensionistico. In questa condizione emergenziale il Governo Monti può e deve sfruttare fino in fondo il vantaggio di non avere preoccupazioni di tipo elettorale e di consenso, avendo un mandato che ha il solo vincolo di raggiungere l’obiettivo di salvataggio del paese.


In questo senso la crisi che stiamo attraversando può trasformarsi davvero in un’opportunità per l’Italia se si coglie l’occasione per fare riforme strutturali che, rimuovendo privilegi e rendite di posizione (senza deroghe per taxi, farmacie o altre caste e corporazioni!!), rimettano in movimento le tante energie presenti nel mercato del lavoro e della produzione. E’ un treno che non possiamo perdere se vogliamo rimanere agganciati all’Europa e ricominciare a guardare al futuro con una serenità ed un ottimismo che risultino fondati non più su battute e barzellette, ma sulla base di scelte coraggiose ed innovative in grado di modernizzare il paese”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi Economica, l’assessore De Simoni: “Dai sogni alle scelte”

RomaToday è in caricamento