Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cinecittà Cinecittà / Via Tuscolana

Subaugusta: pulizie straordinarie in cambio di contratti ordinari

Gli operatori sanitari della metro e Cinecittà Bene Comune hanno ripulito la stazione Subaugusta. CBC: "Abbiamo solidarizzato con i lavoratori anche per ricordare che il trasporto pubblico non va delegato alle inefficienze dei privati"

Cinecittà Bene Comune ed alcuni lavoratori di una cooperativa di Osteria del Curato, sono scesi in campo per effettuare le pulizie della stazione metropolitana Subaugusta. L’iniziativa è stata realizzata per ricordare le penalizzanti condizioni contrattuali cui, questi operatori delle pulizie, devono sottostare.

SBLOCCARE I PAGAMENTI - “Questa mattina alcuni cittadini riuniti in Cinecittà Bene Comune assieme ai lavoratori delle pulizie della metro A di Fortuna 1 hanno deciso di pulire simbolicamente la fermata della metro A Subaugusta – leggiamo in una nota di Cinecittà Bene Comune  - Con questa protesta vogliamo sollecitare il Comune di Roma e l'azienda Atac a sbloccare i pagamenti degli stipendi, garantire un futuro lavorativo agli addetti delle pulizie e più in generale migliorare il servizio del trasporto pubblico”. Ed a proposito dei lavoratori, abbiamo raccolto alcune loro testimonianze.

LE TESTIMONIANZE - “La mia ditta, la Fortuna 1 ha un appalto con ATAC ma ha deciso di ritirarsi dall’appalto stesso. Noi sono due  mesi  che non riceviamo lo stipendio e la tredicesima ci è stata pagata solo qualche giorno fa – ci spiega Alessandro che fa questo lavoro da 13 anni - Non sappiamo né chi subentra né come. Abbiamo incertezze sugli stipendi ma anche sulla fine che faremo”. Conferma tutto Rossano, operatore delle pulizie da 7 “Sono tre anni e mezzo che andiamo avanti così, ovvero che ci danno gli stipendi dopo il periodo dovuto. Da novembre c’è stato un contratto di solidarietà, con una percentuale pagata dalla ditta e l’altra dall’INPS”.

TRASPORTO PUBBLICO E INEFFICIENZE - “Il continuo disservizio merita un'attenzione particolare da parte delle istituzioni, soprattutto dopo la scoperta della grande truffa dei biglietti falsi che ha provocato in dieci anni un danno di un miliardo di euro alle casse del Comune – ricordano gli attivisti di Cinecittà Bene Comune - I dirigenti dell'Atac, a fronte di un servizio inefficiente e inadeguato ad una grande metropoli come Roma, continuano intanto a percepire stipendi milionari.  Armati di scope, raccoglitori e sacchi abbiamo perciò deciso di solidarizzare con i lavoratori delle pulizie per affermare che il trasporto pubblico non può essere delegato all'inefficienza del privato, ma deve tornare ad essere un bene comune”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Subaugusta: pulizie straordinarie in cambio di contratti ordinari

RomaToday è in caricamento