TuscolanoToday

Nidi Municipio VII, la Lega lancia l’allarme: “Sono a rischio i finanziamenti regionali”

La risposta all’interrogazione presentata in municipio rafforza i sospetti. Cerquoni (Lega): “Ci hanno confermato che molti nidi non dispongono della necessaria documentazione per accedere ai fondi”

Immagine di repertorio

I fondi che la Regione Lazio destina alla ristrutturazione dei nidi pubblici rischiano di non arrivare nel Municipio più popoloso della Capitale. E’ questo l’allarme lanciato dalla Lega che, con un’apposita interrogazione, ha provato a far luce sulla vicenda.

Il mancato accreditamento

La Regione, con un apposito avviso pubblico, ha deciso di destinare circa sette milioni di euro ai nidi municipali di tutto il territorio laziale. Per ottenere questi fondi occorre accreditarsi su una particolare piattaforma. Operazione che però, nel Municipio VII, non è stata eseguita nelle modalità attese.

L'interrogazione

“A seguito della nostra interrogazione sull’accreditamento dei nidi d’infanzia per ottenere i fondi della Regione, l’assessore alla Scuola del Municipio VII, Elena De Santis ci ha confermato che effettivamente molti nidi del nostro territorio non dispongono della necessaria documentazione e pertanto c’è la reale possibilità che non possano ricevere i fondi regionali hanno annunciato Maurizio Politi e Flavia Cerquoni, rispettivamente capogruppo capitolino e vicecoordinatrice romana della Lega.

I pareri tecnici

“Questi nidi ‘implicitamente funzionano’, ma non hanno il rilascio dei pareri della regolarità tecnica da parte dell’autorità competente, pertanto non possono accreditarsi sulla piattaforma S.I.R.S.E, requisito fondamentale per ottenere i finanziamenti regionali” hanno chiarito i due leghisti. Da qui la richiesta, presentata nel parlamentino di piazza Cinecittà, per sapere se l’amministrazione locale avesse intenzione di “verificare se tutti i nidi d’infanzia presenti nel territorio municipale, siano in possesso dei requisiti previsti dal regolamento stesso, in grado di consentire la legittima erogazione dei finanziamenti” si legge nell’interrogazione sottoposta alla giunta grillina. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il paradosso

“Dal 2017, anno in cui è entrato in vigore il Regolamento sull’accreditamento, la maggioranza pentastellata del Municipio ancora non ha provveduto a mettere a norma i 23 nidi comunali del territorio. Il paradosso - hanno sottolineato Politi e Cerquoni - è che i nidi in convenzione, tanto osteggiati dal M5S, in realtà hanno tutte le documentazioni in regola e potranno accedere ai fondi, contrariamente a quelli comunali che risultano manchevoli”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento