rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Tuscolano Cinecittà / Via Tuscolana

Cinecittà: i lavoratori della Sma Simply manifestano contro i tagli al personale

Oltre quaranta manifestanti contestano la chiusura dei supermercati dell'ex Rinascente "L'azienda non sembra orientata a riassorbire ben 86 cassintegrati"

E’ la terza manifestazione nel giro di pochi mesi. E probabilmente non sarà l’ultima dei lavoratori dell’ex Rinascente, mobilitatisi per far riassorbire 86 colleghi, finiti in cassintegrazione.

IL SIT- IN - Nel corso del pomeriggio, e fino alle ore 20, una quarantina di persone, iscritte alla Flaica Cub Roma, sono scese in piazza, all' angolo tra via Ponzio Cominio e via Tuscolana, per esprimere tutto il loro dissenso verso la politica implementata da Sma Simply. “La nostra battaglia per tutelare i lavoratori cassintegrati è iniziata a settembre – ricorda il Flaica Cub Roma attraverso una nota -  Siamo alla terza manifestazione e non abbiamo alcuna intenzione di fermarci. Almeno finché dai vertici aziendali non arriverà un segnale concreto di attenzione”.

I CASSINTEGRATI - Durante il sit-in, oltre 40 lavoratori presentatisi con i carrelli della spesa, hanno distribuito ben 10mila volantini, per informare l’opinione pubblica di quanto sta avvenendo. In sostanza l’azienda, leader nella grande distribuzione, “da febbraio ha chiuso ben tre punti vendita nel Lazio, di cui uno nella Capitale, e per le nuove aperture non sembra affatto orientata a riassorbire i ben 86 cassintegrati”.    

I COSTI DELLA CRISI - “Nei prossimi giorni – conclude  la nota Giancarlo Desiderati, segretario della Flaica Cub Roma – ci sarà l’inaugurazione di un nuovo store a Ostia. Ma a noi risulta che nessuno dei cassintegrati sarà riassorbito. E’ ora di dire basta a queste logiche aziendali che scaricano i costi della crisi solo sulle spalle di chi lavora”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinecittà: i lavoratori della Sma Simply manifestano contro i tagli al personale

RomaToday è in caricamento