menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Quarto Miglio: il Municipio approva la delocalizzazione dell'antenna

Il voto del Consiglio Municipale, apre le porte alla delocalizzazione dell'antenna. Soddisfatti i cittadini che da mesi stanno contrastando la presenza dell'antenna, installata a pochi metri da un asilo nido

Arriva ad un punto di svolta la vicenda legata all'installazione di una Stazione Radio Base in via Appia Nuova. L'antenna, da subito contestata dai residenti e dal Comitato di Quartiere di Statuario Capannelle, poi anche da quello di Quarto Miglio, è entrata ora nel vivo  del dibattito municipale.

UN PRIMO RISULTATO - Prima il passaggio in Commissione poi quello odierno in Consiglio, hanno permesso all'Ente di prossimità di chiarire la propria posizione. La Presidente Fantino dovrà chiedere al Dipartimento Programmazione ed Attuazione Urbanistica il rigetto dell'autorizzazione ancora non perfezionata "in autotutela". In attesa le si chiede un'ordinanza di sospensione dell'operatività dell'antenna. "Noi della Lista Marchini abbiamo denunciato da agosto la vicenda e oggi, grazie anche l'ottimo lavoro della prima commissione, del consiglio municipale e dei comitati di quartiere Statuario-Capannelle e Quarto Miglio, portiamo a casa un primo importante risultato" dichiara Luca Sferrazza, portavoce della Lista Marchini.

L'ORDINANZA ATTESA - Il documento votato nel parlamentino di piazza Cinecittà, necessita ora dell'intervento del Minisindaco Fantino. " Ora la Presidente invece di fare la turista in Argentina – va all'attacco Sferrazza – torni a svolgere il suo ruolo e firmi un'ordinanza per porre subito fine a quello che, di fatto, è un abuso. Mi chiedo perché non abbia avuto ancora il coraggio di impedire insieme al dipartimento attuazione urbanistica di Roma Capitale che un mostro simile venisse installato a pochi metri da un asilo nido e una casa di cura".

LE SEGNALAZIONI DEI RESIDENTI - Soddisfatto anche il Comitato di Quartiere Statuario Capannelle. "Abbiamo fatto di tutto: esposto-denuncia alla Procura della Repubblica, 4 Commissioni, rilievi con ARPA, lettere a tutte le istituzioni competenti - aveva elencato il Presidente del CdQ Guido Marinelli, poco prima d'entrare in Aula Consiliare - se la risoluzioen non passa, non ci rimane che manifestare per strada e chiamare la televisione!". A quanto pare, non ce ne sarà bisogno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento