Sabato, 24 Luglio 2021

Roma lercia, Lozzi in lacrime davanti ai rifiuti: “Il Campidoglio vanifica nostri sforzi”

Di fronte al nuovo murale cumuli d'immondizia. Lozzi (REvoluzioneCivica): “Vergogna”

Dietro il nuovo murale dedicato a Don Sardelli. Davanti i cumuli di rifiuti non raccolti. In mezzo la presidente del Municipio VII che, microfono alla mano, è tornata a lanciare accuse contro la sindaca Raggi.

I rifiuti nelle strade

“Cinque anni fa, da volontaria insieme ad altri volontari, stavo qui a raccogliere l’immondizia. Dopo cinque anni abbiamo ancora i rifiuti nello stesso posto - ha spiegato Monica Lozzi, presidente del VII Municipio e candidata sindaca con il movimento REvoluzioneCivica - Nonostante gli sforzi che l’ente di prossimità sta cercando di fare con i propri cittadini, in questo caso riqualificando una piazza, il Campidoglio non riesce proprio a stare al passo”.

La raccolta dei rifiuti, al Quadraro, è ormai fuori controllo. Secondo i residenti, che hanno inoltrato a Romatoday foto di cassonetti debordanti, la situazione è degenerata nelle ultime due settimane. L’immondizia ha finito così per accumularsi nelle strade, come in via Cartagine, dove ha sede la ASL, oppure in via dei Levii, in quella “piazza del Quadraretto” che un vero nome non ce l’ha e che i residenti vorrebbero venisse intitolata a Don Sardelli, il parroco delle baracche.

Qaundo Lozzi diceva "Comune ed Ama non hanno fatto niente"

Comune e Regione non tengono al territorio

La quantità di spazzatura accumulata davanti il murale, non ha scoraggiato la presidente Lozzi che “non essendo abituata ad avere i paggetti che quando io vengo puliscono” ha comunque deciso di presentarsi per “metterci la faccia”. Lo ha fatto per denunciare un’amministrazione “che non ci tiene al territorio, perchè passa il tempo a litigare tra Regione e Comune mentre noi respiriamo i miasmi”. E così facendo “si vanifica il lavoro di riqualificazione” che, al Quadraro, ha comportato l’allestimento di panchine e tavoli da ping pong, la sistemazione dell’impianto d’illuminazione pubblica e l’attesa potatura degli alberi, oltre al nuovo murale.

I rifiuti sotto casa

Anche se averne parlato durante l'inaugurazione fa sicuramente più effetto, non è la prima volta che la leader di REvoluzioneCivica punta l’indice sulle responsabilità del Comune nella gestione dei rifiuti. Lo ha fatto, proprio recentemente, con un altro video in cui esprimendo ironicamente solidarietà alla sindaca, l’ha in realtà incalzata. “Noi dobbiamo dire ai cittadini come mai c’è questo schifo sotto le loro case” aveva dichiarato nel video in cui, spostando la telecamera, aveva finito col mostrare una discarica a cielo aperto. Ma soprattutto Lozzi è stata, quando era ancora nelle fila del Movimento 5 stelle, l’unica amministratrice grillina ad incalzare il Campidoglio e l’Ama per la gestione dei rifiuti.

Le denunce contro Ama e Campidoglio

Ha pubblicamente denunciato i tentennamenti di Roma Capitale nell’elaborazione d’un efficace piano di gestione dei rifiuti e le inefficienze dell’azienda municipalizzata, soprattutto nel servizio di raccolta e pulizia stradale. Ed ha ripetutamente sfidato il Campidoglio chiedendo di attuare un decentramento, in modo da consentire ai municipi, l’ente che rapportandosi direttamente con i cittadini ha il polso della situazione, di gestire almeno lo spazzamento stradale. In cinque anni è rimasta inascoltata.L a città continua, ciclicamente, a soffrire dell’assenza di impianti e le sue strade si riempiono di rifiuti che restano al loro posto persino nelle occasione istituzionali. E l’inaugurazione del murale del Quadraro, ne rappresenta la plastica dimostrazione.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Roma lercia, Lozzi in lacrime davanti ai rifiuti: “Il Campidoglio vanifica nostri sforzi”

RomaToday è in caricamento