TuscolanoToday

Quadraro, iniziato il recupero del rudere di via Sagunto: la sua destinazione sarà decisa con i cittadini

Sbloccati i finanziamenti per completare l'edificio di proprietà dell'Ater. Già avviata la bonifica esterna e la messa in sicurezza della struttura. A giorni il concorso d'idee per progettarne l'uso

I cittadini accorsi per i lavori all'immobile di via Sagunto

Il progetto originale è datato 1958. Ma l'edificio di via Sagunto, al Quadraro, non è mai stato completato. L'immobile, pensato per ospitare il centro sociale Tuscolano, versa da decenni in  condizioni di estremo degrado.

Il recupero del rudere

"Dopo tanta attesa, sono finalmente partiti oggi i lavori per la riqualificazione dell’immobile di via Sagunto, che da sessant’anni attendeva di essere ultimato e utilizzato a beneficio di tutto il quartiere" hanno annunciato Daniele Parrucci, responsabile Lavoro del PD Roma, e Francesco Laddaga, dell’Assemblea del PD Lazio.   L'intervento era stato sul piunto di essere avviato già durante l'amministrazione di Piero Marrazzo. Su richiesta dell'allora Municipio X e di Ater, erano stati stanziati anche 2,3 milioni di euro. Ma con il cambio di giunta in Regione, l'operazione era stata congelata. La buona notizia è che i lavori sono nuovamente partiti.

L'avvio dei lavori di ristrutturazione

"Gli interventi che abbiamo avviato porteranno, dopo una fase di bonifica già effettuata e di messa in sicurezza della struttura, alla restituzione alla cittadinanza di uno spazio pubblico rimasto inutilizzato a causa del rimpallo di responsabilità tra le istituzioni" ha commentato Andrea Napoletano, Direttore generale di Ater. Progettato da Nicolini e De Renzi, è accatastato per uso commerciale. Ha una superficie imponente, perchè si estende su oltre 1700 metri quadrati distribuiti su due livelli. Per ora Ater ha provveduto a bonificare l’area esterna  con sfalci, potature e taglio di erba e siepi. Ed ha inoltre rimosso gli elementi in fase di distacco, provvedendo anche al puntellamento delle strutture interne.

Il futuro da scrivere con i cittadini

Ora si tratta di decidere cosa fare dell'immobile. "Come già sperimentato in altre occasioni - ha chiarito il Direttore generale di Ater -  dalla prossima settimana apriremo  un percorso partecipato di consultazione con i residenti per avere da loro le idee sulla futura destinazione dell’immobile". Il futuro del rudere del Quadraro, adesso, è tutto da scrivere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Ater, in vendita oltre 7mila case popolari dal Laurentino a San Basilio: ecco il piano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento