rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Appio Claudio Cinecittà / Via Caio Manilio

Piano freddo: nel municipio VII centri aperti anche di giorno ma servono altri posti letto

Due strutture gestite da Sant’Egidio per offrire ristoro ai clochard. Assessora Rosasco: “Con il Dipartimento stiamo cercando di potenziare l’accoglienza notturna”

Il piano freddo è partito anche nel municipio VII. Sono due gli spazi a disposizione nel territorio più popoloso della capitale. Uno si trova nel territorio dell’ex municipio IX a San Giovanni. L’altro nell’ex X, in via Caio Manilio, tra il Quadraro e l’Appio Claudio.

Niente centro anziani

A differenza di quanto accaduto nel febbraio del 2021, non c’è la possibilità di utilizzare i locali del centro anziani di Cinecittà. Lì lo scorso anno, il coordinamento solidale del VII municipio, una rete composta da associazioni e comitati del territorio, aveva attrezzato la sala principale con brandine, coperte, tavoli e sedie. I centri sociali anziani hanno però ripreso la propria attività e, di conseguenza, quello spazio non è più disponibile.

La ricerca di nuovi spazi

“Con il Dipartimento politiche sociali stiamo lavorando per trovare altre strutture idonee a potenziare il numero dei posti di accoglienza notturna” ha spiegato Adriana Rosasco, assessora alle politiche sociali del municipio VII. “Attualmente l’unica struttura con posti letto a disposizione si trova in via Caio Manilio ed è gestita dai volontari della Croce Rossa. E’ aperta h24 ed è in grado di ospitare cinque persone la notte. Per questo vogliamo incrementare l’offerta”.

Il centro diurno di San Giovanni

C’è poi un altro spazio nel territorio, a disposizione delle persone senza fissa dimora. Si trova a viale Castrense, nella zona di San Giovanni. “E’ proprio vicino alle mura ed è aperto complessivamente quattro-cinque ore al giorno, tra la mattina ed il pomeriggio, momento quest’ultimo in cui si registra la maggiore affluenza”. 

Piano freddo municipio VII: le foto dei centri aperti

Dove mangiare e dove dormire

A San Giovanni il servizio rivolto ai clochard, anche in quel caso garantito dai volontari della Comunità di Sant’Egidio, è dedicato alla somministrazione di cibo e bevande calde. “Per rispettare il distanziamento sociale non sempre è possibile consumare il pasto all’interno della struttura, nel qual caso – ha spiegato l’assessora – viene consegnato per essere mangiato fuori”. Per dormire, invece, bisogna andare in via Caio Manilio. Almeno finchè non sarà trovato un altro spazio dove allestire ulteriori posti letto.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano freddo: nel municipio VII centri aperti anche di giorno ma servono altri posti letto

RomaToday è in caricamento