TorriToday

Radici affioranti su viale dei Romanisti: strisce bianche restringono la carreggiata

Strisce bianche per delimitare le radici e la carreggiata si restringe

Ha destato stupore prima e indignazione poi la “messa in sicurezza” di viale dei Romanisti a Torre Spaccata. Sulla strada, una delle arterie più “complicate” del quartiere tra radici sollevate e manto stradale dissestato, erano già stati apposti cartelli per il limite della velocità a 30 km orari, nella giornata di giovedì poi un ulteriore intervento. La carreggiata è divisa da una fila di alberi le cui radici sollevate costituiscono da tempo un vero e proprio disagio per la circolazione delle auto: strisce bianche disegnate sull’asfalto hanno “messo in sicurezza” le radici restringendo di fatti la strada. 

La riqualificazione di viale dei Romanisti viene da lontano

Da anni i cittadini del quartiere chiedono, attraverso il comitato, la riqualificazione del viale. Già nel 2012 sono iniziati i primi confronti tra la cittadinanza e le istituzioni: i disagi lamentati all’epoca si sono acuiti sempre di più nel corso del tempo fino a creare problematiche notevoli. Buche, asfalto deteriorato, radici dei pini sollevati, pochi attraversamenti pedonali, quasi nessun semaforo. E con il tempo inoltre la strada è diventata sempre più importante perché si pone come alternativa alla via Casilina e per questo ancora più trafficata. I cittadini sono stati chiamati più volte in questi anni a discutere di progetti di messa in sicurezza e riqualificazione che però non hanno mai visto attuare. Intanto su viale dei Romanisti anche il numero di incidenti gravi aumenta.

“E’ questa la messa in sicurezza annunciata?”

Malumori e rabbia nel comitato di quartiere che da anni si batte per la riqualificazione del viale e che vorrebbe soluzioni concrete. “Non ci sono interventi di riqualificazione del manto stradale – ha spiegato Antonella Manotti del comitato Torre Spaccata – tutta la messa in sicurezza del viale si è risolta con strisce bianche e limiti orari?”. E l’indignazione aumenta soprattutto perché la strada non rientra nell’elenco delle strade che saranno manutenute con lo stanziamento di fondi straordinari: “Il Municipio ci ha chiesto di stilare un elenco con le strade più disastrate ma nessuna delle strade del nostro quartiere rientra nelle quattro sui cui intervenire con urgenza”. 

Tra le richieste del comitato: maggiore partecipazione dei cittadini 

Durante lo scorso mese di ottobre una riunione tra il presidente della commissione capitolina Enrico Stefano e il comitato di quartiere aveva seminato speranze: “In quella occasione abbiamo espresso un problema serio: viale dei Romanisti non può e non deve essere considerato una strada di quartiere perché nei fatti non lo è più da tempo, da quando è diventata l’alternativa di via Casilina quindi questo implica necessariamente un sistema di riqualificazione diverso” ha aggiunto Manotti. E da quella data il comitato attende la convocazione di una nuova assemblea: “Chiediamo di partecipare alla stesura del progetto perché siamo noi cittadini a sapere quali sono le criticità da risolvere” ha concluso Manotti. 

Il Pd all'attacco

Duro il commento del capogruppo Pd in VI municipio Dario Nanni: "Manifestazioni, assemblee, raccolte firme, denunce, questo era quello che facevano sulla manutenzione e sulla sicurezza stradale di Via dei Romanisti i rappresentanti del Movimento 5 Stelle quando a governare erano altri. Oggi che governano loro  spendono i soldi pubblici, non per risolvere il problema,  che nel frattempo è peggiorato, ma per restringere la carreggiata rifacendo la segnaletica. Ebbene si, di fronte al manto stradale dissestato e ammalorato dall'usura e dalle radici dei alberi, non s'interviene per  effettuare la manutenzione ma si preferisce posizionare e realizzare una nuova segnaletica per vietare il transito ai cittadini dei tratti di strada danneggiati. E' come se si rompesse una tubatura in una abitazione e il proprietario invece d'intervenire per riparare il danno, transenni e delimiti gli spazi interessati. I disagi che i cittadini stanno subendo sono proporzionali dell'incapacità di chi governa oggi a Roma e questa ne è l'ennesima prova". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • Sciopero generale il 23 ottobre: a Roma metro e bus a rischio. Orari e fasce di garanzia

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento