rotate-mobile
Venerdì, 9 Dicembre 2022
Torre Maura Torre Maura / Via dell'Usignolo

Gara di solidarietà per la piccola Giovanna: dopo l'incendio Torre Maura si riscopre comunità

Attualmente ricoverata presso l'ospedale Bambin Gesù

Tra le 14 famiglie evacuate dopo l’incendio dello scorso 27 ottobre in via dell’Usignolo a Torre Maura c’è anche quella della piccola Giovanna, una bambina di Torre Maura affetta da diverse patologie che necessita di vivere in un ambiente asettico e che attualmente si trova ricoverata presso l’ospedale Bambin Gesù di Palidoro. Ma Giovanna deve lasciare anche questo posto e in attesa che la sua casa torni agibile è in cerca di una sistemazione. 

L'appello del comitato Inquilini Isveur

“Rivolgo un appello a tutti – ha esordito Angela Barone, presidente del comitato Inquilini Isveur – affinchè ognuno possa adoperarsi per trovare una casa alla piccola Giovanna, un appartamento possibilimente nel VI Municipio che non sia collocato più in alto di un primo piano”. Le spese di locazione saranno a carico del Comune di Roma: “Anche il Municipio e in particolar modo l’assessora Filipponi si stanno adoperando per trovare una soluzione ma attualmente non se ne riesce a venire a capo, mi auguro che si dia l’avvio ad una solidale collaborazione”. 

"Non ci sentiamo abbandonati"

Intanto, dopo l'incendio divampato dai quadri elettrici nel seminterrato della scala G del palazzo Isveur di via dell'Usigonolo, si lavora per fare in modo che a Torre Maura si torni alla normalità. "Nella mattina di venerdì ci sarà un sopralluogo congiunto tra assessore e tecnici - ha spiegato ancora Barone - così per avere contezza dei danni subìti e dei lavori da svolgere". Intanto le 14 famiglie evacuate sono state collocate fin da subito in altre sistemazioni dove resteranno fino alla conclusione dei lavori. "Non ci sentiamo abbandonati" ha concluso la presidente del comitato Inquilini Isveur.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gara di solidarietà per la piccola Giovanna: dopo l'incendio Torre Maura si riscopre comunità

RomaToday è in caricamento