menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

Roma 2019, ci sono periferie senza fogne per le acque chiare. L'appello dei cittadini: "Vogliamo una soluzione"

Le strade si allagano e il "fiume" raggiunge perfino il vicino quartiere Villaggio Breda

È sufficiente una pioggia, neanche tanto intensa, che le strade del quartiere Villa Verde (periferia est della città) diventano fiumi d’acqua. Perché? Non esistono le fogne per la raccolta delle acque chiare. Il comitato: “Abbiamo chiesto più volte incontri e soluzioni ma ad oggi non si è mosso nulla”.

Dal progetto dei consorzi ad oggi: il quartiere aspetta ancora le fogne

A Villa Verde, quartiere non molto distante dal più noto Tor Bella Monaca e a due passi da Villaggio Breda, sono solo tre le strade pubbliche: via Gagliano del Capo, via Le due Torri, via del Torraccio e qualche altra parzialmente. Tutto il resto rientra nella categoria delle strade private. A realizzare le fogne per la raccolta di acque chiare, in queste strade, avrebbero dovuto essere i consorzi che nel 2003 presentarono un progetto poi bocciato dal Comune perché le acque avrebbero dovuto essere portate su via Casilina o Tor Vergata. “I consorzi però non possedevano l’ingente somma di denaro per ampliare così tanto l’idea e il progetto morì” ha spiegato al nostro giornale Mario Puliafito, presidente del comitato di quartiere Villa Verde. Tuttavia se i consorzi non avessero speso i soldi, il Comune li avrebbe ripresi e così nacque il centro polivalente di via Gagliano del Capo ma delle fogne nessuna traccia. “L’acqua arriva fino a 40 centimetri di altezza – ha aggiunto Puliafito – Si forma un fiume che arriva fino a Villaggio Breda”. Con il progetto in essere del piano di zona denominato “Fontana Candida 2”, il comitato ipotizza che nell’ambito della riqualificazione urbanistica anche le vie di Villa Verde possano essere rifatte e nell’occasione auspicano la realizzazione delle fogne per questo hanno chiesto un incontro alle istituzioni. 

L'assessore ai lavori pubblici: "Proveremo a mettere i progetti nel bilancio 2020"

La realizzazione delle fognature per la raccolta delle acque chiare spetta adesso al Municipio VI. Abbiamo raggiunto l’assessore ai lavori pubblici del parlamentino di viale Cambellotti e abbiamo cercato di capire quali sono i tempi necessari perché si realizzi un’opera tanto importante. “Ci sono dei fondi bloccati, non utilizzabili a causa di un problema burocratico che stiamo provando a sbloccare con una delibera municipale da adottare anche a livello capitolino” ha detto Sergio Nicastro, assessore ai lavori pubblici del sesto. Tuttavia ha sottolineato che la struttura delle strade, alcune molto strette, a fondo cieco e senza marciapiedi, rende difficile realizzare gli impianti. Per ora: “Proveremo a mettere a bilancio nel 2020 progetti per le opere di smaltimento delle acque meteoriche” ha concluso Nicastro. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento