TorriToday

Tor Bella Monaca, è tutti contro tutti: i consiglieri m5s contro la giunta che critica Raggi

Pomo della discordia l'entusiasmo della prima cittadina intorno alla chiusura del Tmb Salario

Immagine di archivio

Da un lato c’è la sindaca che esulta per la chiusura del Tmb Salario, dall’altro i grillini (una parte) del sesto municipio che prendono le distanze dalla sindaca e da un altro lato ancora altri grillini, consiglieri municipali, che prendono le distanze dalla loro giunta e si schierano con la sindaca. Potrebbe essere un intricato rompicapo se non fosse politica e se non si parlasse di rotture all’interno del movimento cinque stelle di viale Cambellotti, ormai neanche tanto velate. Ma andiamo con ordine. 

La sindaca sulla chiusura del Tmb Salario: “Ce l’abbiamo fatto”

Lo scorso 11 settembre la Regione Lazio ha revocato l’AIA (autorizzazione integrata ambientale) per il Tmb Salario incendiato lo scorso dicembre. Gli impianti, definitivamente fuori uso, saranno impiegati in un processo di riconversione di cui si occuperà Ama. “Ce l’abbiamo fatta, il Tmb Salario non riaprirà più” aveva detto la sindaca in quella occasione mostrando entusiasmo e rivincita. 

La giunta Romanella (M5s) replica alla sindaca: “Messaggio irrispettoso”

Una dichiarazione che però aveva fatto storcere il naso alla giunta Romanella delle Torri, in particolar modo all’assessorato all’ambiente. “Prendiamo le distanze dal comunicato diffuso sui social dalla sindaca in merito alla chiusura definitiva del Tmb Salario. Pur comprendendo le intenzioni, non ci riconosciamo nei contenuti di un messaggio irrispettoso del Municipio VI e dei suoi cittadini che, da anni, lottano per la riqualificazione di un quadrante ben più martoriato del terzo Municipio”. Il territorio stigmatizzato è quello di Rocca Cencia, sede degli impianti Ama e anche teatro della chiusura della campagna elettorale della sindaca Raggi nel 2016. QUI LA NOTIZIA

I grillini del consiglio replicano ai grillini della giunta “Ci dissociamo da quanto dite”

Passano poche ore da queste dichiarazioni che a prendere le distanze dalla posizione della giunta Romanella è il consiglio municipale di viale Cambellotti: “Disconosciamo quanto detto dalla giunta, per noi il messaggio non è irrispettoso” ha detto Giancarlo Colella, capogruppo pentastellato delle Torri. Ai nostri taccuini Colella ha spiegato perché. “Gli assessori non fanno politica, noi consiglieri non solo prendiamo le distanze da quanto è stato detto ma rilanciamo la necessità di lavorare a stretto contatto con la sindaca per arrivare alla chiusura e al superamento di Rocca Cencia” ha detto Colella. A questo ha aggiunto una ulteriore motivazione: “Non crediamo irrispettoso il messaggio della sindaca ma sottolineiamo il suo impegno perché gli impianti del Salario avrebbero potuto essere anche riutilizzati invece lei non lo ha permesso”. 

Insomma, i pentastellati delle Torri prendono le distanze gli uni dagli altri perché se da un lato c’è la giunta che snobba il consiglio, dall’altro c’è il consiglio (spaccato a sua volta) che disconosce la giunta: attriti che però, nonostante qualche dichiarazione a mezzo stampa e mal di pancia sottaciuti, tutti si preoccupano di celare. Per quieto vivere? 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

  • Adriano Urso, il pianista rimasto senza lavoro per il Covid e morto per infarto durante una consegna come rider

  • Tragedia a Roma, madre e figlio trovati morti in casa: indaga la polizia

Torna su
RomaToday è in caricamento