TorriToday

Municipio VI: si chiude la votazione per la scelta del nuovo stemma, votano solo 43 persone

Nanni (Misto): “Un flop, nessuna rappresentatività su 300mila persone”. La replica di Ilaria (M5s): “Migliore soluzione possibile”

Cotto e mangiato. In tempi record il municipio VI ha vagliato un nuovo stemma: nei giorni scorsi la votazione in commissione patrimonio, poi il sondaggio tra i cittadini e infine il ritorno in commissione del ‘bozzetto’ vincitore. Nanni (Misto): “Un flop, al sondaggio hanno partecipato solo 43 persone su 300mila abitanti”. La replica del Movimento cinque stelle: “Con il poco tempo a diposizione, questa era la migliore soluzione possibile, andiamo avanti con l’iter”.

Lo scorso 5 ottobre, in commissione patrimonio sono stati presentati sei ‘bozzetti’ disegnati da alcuni consiglieri del gruppo di maggioranza. Messi ai voti, sono stati poi selezionati tre ‘lavori’ e pubblicati sul sito di Roma Capitale all’interno di un sondaggio della durata di pochi giorni. Lunedì mattina il verdetto: il bozzetto votato da 43 persone sarà portato in aula giovedì con una risoluzione e poi dovrà ottenere le approvazioni dei vari dipartimenti.

“In pratica ha votato solo lo 0,01% degli aventi diritto, che può essere annoverato tra i record mondiali in negativo. Lo avevo detto in commissione che gestire così questa vicenda era surreale e precludeva la partecipazione dei cittadini. Aspettare 4 anni e mezzo e poi dover prendere una decisione in fretta e furia in pochi giorni è lo specchio di questi anni” ha detto Nanni. Ha concluso: “All'incapacità nel gestire le procedure amministrative si è sommata la disaffezione dei cittadini ormai consapevoli che la loro partecipazione ed il loro coinvolgimento è fittizio. Dispiace che la scelta dello stemma che rappresenterà la storia e l'identità di un municipio così importante, sia stata abolita e ridotta ad una conta di pochi amici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abbiamo raggiunto Alberto Ilaria (M5s), presidente del consiglio di viale Cambellotti: “La soluzione adottata era la migliore possibile – ha spiegato – Certo dispiace che la partecipazione sia stata poca ma non potevamo scegliere modalità diversa dalla piattaforma SPID. Tuttavia non abbiamo stravolto molto il vecchio stemma – ha concluso – Ci preme che emerga la città di Gabii nella nuova denominazione, è un patrimonio archeologico di rilevanza mondiale e deve avere il giusto risalto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento