rotate-mobile
Tor Bella Monaca Tor Bella Monaca / Viale Santa Rita da Cascia

Tor Bella Monaca: “Strade al buio e spazzatura non raccolta favoriscono lo spaccio”

Da viale Santa Rita da Cascia a via Giovanni Battista Scozza cumuli di rifiuti e macchine abbandonate

Macchine abbandonate lungo le strade, cumuli di rifiuti non raccolti sotto le palazzine o nelle piazze, strade al buio per la maggior parte del tempo. Siamo a Tor Bella Monaca, nell’angolo di quartiere che abbraccia viale Santa Rita da Cascia e via Giovanni Battista Scozza, a poche decine di metri da via Quaglia – strada commerciale del quartiere – e largo Mengaroni.

“Queste condizioni favoriscono lo spaccio, è necessario che chi governa se ne renda conto e provveda a ripristinare il decoro quanto prima”. Sono le parole di Tiziana Ronzio, presidente dell’associazione Tor Più Bella, impegnata nella battaglia per la riqualificazione – anche sociale – di quest’area di quartiere. Lei, da tempo vive sotto la vigilanza delle forze dell’ordine e di recente ha subito un’aggressione nei pressi di casa. Da quell’evento è nata una grande manifestazione di solidarietà da parte della politica e dal mondo dell’associazionismo romano che ha portato a Tor Bella Monaca personaggi di rilievo in ambito cittadino all'appuntamento 'Non staremo zitti e buoni' dello scorso 24 giugno.

Da largo Mengaroni fino a via Scozza, strada quest’ultima che nella geografia del quartiere rappresenta una delle zone maggiormente abbandonate, non di rado teatro di blitz e arresti, l’illuminazione è spesso assente. “Non va bene, le strade devono essere illuminate, il buio lascia agire in maniera incondizionata – ha aggiunto Ronzio – Le forze dell’ordine sul territorio fanno tanto, tantissimo e la presenza dei carabinieri la avvertiamo in maniera continua ma c’è bisogno di più uomini per vigilare sul territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor Bella Monaca: “Strade al buio e spazzatura non raccolta favoriscono lo spaccio”

RomaToday è in caricamento