Lunedì, 18 Ottobre 2021
Tor Bella Monaca Torre Angela / Viale Duilio Cambellotti

Il 'metodo Migliore' non piace ai circoli Pd: "Chiediamo l'azzeramento delle nomine"

"Migliore ha prima spaccato il PD municipale e poi distribuito nomine del coordinamento territoriale senza alcun criterio chiaro, conferendo incarichi secondo probabili simpatie momentanee e correnti politiche"

"Sono azzerati gli organismi dirigenti dei circoli territoriali, al fine di poter celermente agire secondo l’indirizzo deliberato dalla federazione provinciale che ha dato l’indicazione di costituire un unico circolo per municipio". Esordiva così, in una nota, Gennaro Migliore, sub commissario alle Torri del Partito Democratico, lo scorso 19 novembre. Una dichiarazione che faceva da preludio a nuove nomine e nuovi incarichi e che vedeva, appunto, l'azzeramento dei circoli territoriali al Municipio Roma VI. Un 'metodo' che, però, i segretari dei circoli Pd del 'pre-migliore' non condividono e chiedono, dunque, a loro volta, l'azzeramento delle nomine direttamente ai vertici del PD. 

"Siamo a denunciare la situazione incresciosa e paradossale che stiamo vivendo da cinque mesi a questa parte nel VI Municipio e che ora ha avuto il suo culmine nella distribuzione autoreferenziale delle cariche del nuovo coordinamento PD". E' quanto si legge in una lettera inviata ai vertici del PD da parte dei segretari di circolo del Municipio VI". Il dito è subito puntato al sub commissario: "Migliore ha prima spaccato il PD municipale e successivamente distribuito nomine del coordinamento territoriale senza alcun criterio chiaro conferendo incarichi secondo probabili simpatie momentanee e correnti politiche. E’ una condizione disastrosa che non esitiamo a rappresentare nei suoi esiti finali come l’epilogo di tanti atti realizzati con questo spirito". In riferimento al 'metodo Migliore', i 'vecchi' segretari di circolo proseguono: "Queste modalità non hanno avuto altro risultato se non quello di mettere in ridicolo il PD, facendogli perdere consensi ed iscritti. Tutte manovre sbagliate, destinate a rappresentare un punto di cesura laddove invece bisognerebbe ricostruire e riprogettare un futuro per il territorio e per l’intera città di Roma". 

E su quello che accadrà, i segretari di circolo eletti prima dell'avvento del commissariamento del partito, spiegano: "Noi, in qualità di segretari di circolo regolarmente eletti non abbiamo alcuna intenzione di rimettere le nostre deleghe ne tantomeno di cedere a diktat dal sapore quasi assolutistico. Pertanto detto, grazie alla regia attuata dal sub commissario ci troviamo ora a chiedere un chiarimento politico assolutamente urgente che anzitutto azzeri le nomine realizzate dal sub commissario. Vogliamo sottolineare che un tale spirito non e’ mai stato appannaggio di nessuno all'interno del PCI prima e del PD dopo", concludono. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 'metodo Migliore' non piace ai circoli Pd: "Chiediamo l'azzeramento delle nomine"

RomaToday è in caricamento