menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tor Bella Monaca, il Comune mura il "grottino" della droga. Angeli annuncia: "Ora parte la riqualificazione"

Per anni le mamme si sono battute per fermare quel via-vai di tossicodipendenti. Oggi l'iniziativa

Un muro per chiudere il 'grottino' di Tor Bella Monaca, noto anche come la grotta del buco, ossia l'ingresso di un edificio della Roma medievale, oggi utilizzato come luogo di consumo di droghe. Un luogo che è stato sempre scenario di un tappeto di siringhe che ricopre il parco che si trova a pochi metri dall'istituto Bassi.

Un luogo funzionale per chi abusa di sostanze stupefacenti che va a comprare la sua dose in via dell'Archeologia. Episodi che avvengono in qualsiasi ora del giorno, proprio davanti ai giovani studenti delle elementari che assistono alle scena.

Per anni le mamme si sono battute per fermare quel traffico. Oggi il Comune di Roma ha fatto murare il grottino della droga. I tossicodipendenti dovranno trovare un altro posto.

Almeno questo è il succo del post pubblicato su Facebook da Federica Angeli, giornalista anti mafia da poco assunta dalla sindaca Virginia Raggi come sua delegata a periferie e legalità: "La strada è stata pulita dai rifiuti pesanti lasciati lì. Gli appartamenti del Comune di via dell'Archeologia con problemi enormi di infiltrazioni, riparati. E tra poco partono i progetti di riqualificazione che ho promesso ai giovani del posto. Sono piccole cose, ma sono importanti per chi ci vive".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Notizie

Blocco traffico a Roma: domenica 24 gennaio niente auto nella fascia verde

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cultura

    "Ma che c'hai prescia?", cosa significa e perché si dice così

  • Sicurezza

    Come eliminare l’odore di fumo in casa

  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento