TorriToday

Municipio VI: nominati gli assessori mancanti. La giunta Romanella è ora al completo

Due dimissioni, quelle di De Carolis e di Palermo, avevano lasciato vuoti assessorati importanti come lavori pubblici e scuola. Nei giorni scorsi le nuove nomine

La giunta del Municipio Roma VI delle Torri è stata completata. Le dimissioni avvenute a viale Cambellotti negli ultimi mesi avevano lasciato due "caselle vacanti" come l'assessorato all'urbanistica e quello alla scuola. Il minisindaco Romanella ha individuato quindi due nuove figure: si tratta di Sergio Nicastro, assessore all'Urbanistica, Lavori Pubblici, ERP, Politiche Abitative e di Alessandro Marco Gisonda, assessore alla Scuola, Sport, Cultura, Politiche Giovanili.

Era il 14 luglio scorso quando Elena Palermo, insegnante, veniva presentata ai cittadini delle torri come nuova assessora alla scuola e alla cultura. Già a sua volta in sostituzione di Rita Pomponio, giornalista e scrittrice, che dopo la nomina, avvenuta nei primi giorni di luglio, aveva rinunciato all'incarico per impegni di lavoro. Con le dimissioni di Palermo, quindi, l'assessorato alla scuola era rimasto vuoto. Durante il consiglio dello scorso giovedì, 15 dicembre, è stato nominato il nuovo assessore alla scuola. E' Alessandro Marco Gisonda, professore di storia dell'arte al liceo Mamiani. 
Più recenti invece le dimissioni di Andrea De Carolis, ex assessore ai lavori pubblici e all'urbanistica. Era la fine del mese di novembre quando De Carolis, anche ex presidente del comitato di quartiere Castelverde, aveva lasciato la poltrona a viale Cambellotti non senza un alone di mistero. Le voci ufficiali legavano la sua scelta a "motivi personali" ma negli stessi giorni la notizia della riaccensione del tritovagliatore a Rocca Cencia aveva visto De Carolis scherarsi in prima linea nella battaglia a difesa del territorio di Rocca Cencia appunto.

E' Roberto Romanella, il presidente del Municipio Roma VI, a spiegare quali sono state le motivazioni che lo hanno portato a scegliere Nicastro e Gisonda come assessori. "Per l'assessorato all'urbanistica abbiamo scelto Sergio Nicastro, mi ha colpito molto il suo modo di fare, è una persona che lavora con le mani, quindi poche chiacchiere, riprenderemo da qui i discorsi lasciati in sospesi con l'ex assessore De Carolis". Per quel che riguarda invece la poltrona dell'assessorato alla scuola Gisonda spiega: "E' un professore di storia dell'arte, interno al Movimento, una figura che bene riunisce le caratteristiche del mondo culturale e di quello scolastico". E quindi anche gli auguri di buon lavoro ai neo nominati assessori: "I due assessori hanno già preso parte al primo consiglio che si è svolto nella mattina di giovedì, adesso, con la squadra al completo ci mettiamo di nuovo al lavoro perché qui c'è tanto da fare".

E su quanto avverrà nel territorio del Municipio VI anche un commento da parte del neo assessore Gisonda che si dichiara "un cinque stelle vero": "Ho una storia nel Movimento Cinque Stelle a Roma, sono entusiasta della possibilità che mi è stata data in un territorio così complicato per quello che riguarda le competenze relative appunto alla scuola e alla cultura". Sul suo operato aggiunge: "Le componenti territoriali e sociali sono particolari, siamo in emergenza continua anche grazie all'eredità non certo ottimale che abbiamo ricevuto, cercheremo di fronteggiare le emergenze offrendo servizi che garantiscano l'integrazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

  • La voglia di festa sfida il Covid: in 34 assembrati in 70 metri quadri, la vicina chiama i carabinieri

Torna su
RomaToday è in caricamento