menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di archivio

Immagine di archivio

Caos mense, scadenze anticipate per le agevolazioni. La Lega in VI: "Comune proroghi termini"

Genitori costretti a pagare il prezzo massimo perché ignari delle nuove scadenze. Le Lega del Municipio VI interroga il presidente per chiedere una proroga

La domanda per le agevolazioni delle mense scolastiche è scaduta con due mesi di anticipo e la comunicazione non ha avuto la giusta risonanza, non ha raggiunto tutti gli interessati. È questa la denuncia del gruppo Lega delle Torri, di viale Cambellotti che nei giorni scorsi ha presentato un’interrogazione municipale per chiedere al presidente e alla giunta di “interloquire” con gli omonimi in Campidoglio e ottenere la riapertura dei termini. Richiesta che però, in aula Giulio Cesare, è stata bocciata dalla maggioranza M5s. 

La domanda per la mesa scolastica: dalla nuova modalità alla scadenza anticipata

“Fino a tre anni fa, la domanda veniva presentata entro il 30 settembre e al momento della consegna i genitori venivano a conoscenza anche dell’importo che avrebbero poi versato di mese in mese, con l’era grillina tutto è cambiato” ha detto ai nostri taccuini Pamela Strippoli, capogruppo della Lega di viale Cambellotti. Dall’inserimento sul portale del Comune all’anticipo della scadenza di due mesi. “L’avviso è stato pubblicato a marzo, ma solo sul portale del Comune – ha continuato – Sarebbe stato opportuno che il Municipio chiedesse ai dirigenti di diffondere la novità. Quante sono anche le famiglie straniere e gli indigenti che non si informano sul portale del Comune?”. 

Il gruppo Lega in Campidoglio: “Li faremo tornare indietro”

“Il M5S ha bocciato una mozione che chiedeva semplicemente di riaprire il termine per presentare l'isee e non costringere le famiglie a pagare cifre assurde – ha detto a Roma Today Maurizio Politi, capogruppo Lega in Campidoglio - Un salasso che pagheranno le famiglie romane, per il semplice fatto che il Comune non vuole ammettere i propri errori. La motivazione fornita dai consiglieri del M5S in aula è stata agghiacciante: "dobbiamo educare le famiglie a stare attente e alla legalità”. Infine ha concluso: “Una vergogna senza precedenti. Un gruppo di improvvisati che casualmente sono arrivati al governo del Comune e che ora stanno uccidendo la città con la loro inettitudine. Abbiamo presentato una nuova mozione in Campidoglio, in Regione e in tutti i municipi. Li faremo tornare indietro”. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento