rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Tor Bella Monaca Tor Bella Monaca / Largo Ambrogio Brambilla

Le promesse su largo Brambilla restano un miraggio: regnano solo degrado e rifiuti

L’area di cantiere è diventata terreno di sversamento illecito. Monta la rabbia degli abitanti

Cumuli di spazzatura, alberi bruciati, una vasca con acqua putrida, una palazzina completata solo per una parte e marciapiedi inutilizzabili. Siamo a largo Brambilla, in una traversa della più nota via dell’Archeologia, a Tor Bella Monaca, nel Municipio Roma VI delle Torri. Su questo spazio sono state fatte tante promesse ma le uniche cose visibili, ad oggi, sono il degrado e l’abbandono. “Non si muove nulla” ha spiegato al nostro giornale Mario, un residente della zona. 

Largo Brambilla era, un tempo, sede del mercato rionale. È stato poi individuato come spazio per realizzare costruzioni da una società privata. Il progetto iniziale prevedeva l’edificazione di due palazzine e, come opera a scomputo, un centro per i bambini e i ragazzi fragili del territorio. Di quel disegno, però, ad oggi resta solo il completamento di uno dei due immobili in cui vivono quaranta famiglie. L’altra palazzina non è mai stata ultimata e della struttura - che avrebbe dovuto diventare una piscina per gli utenti del centro - resta solo una vasca incompleta con acqua putrida. Anche le opere di urbanizzazione sono rimaste incompiute e con i marciapiedi non idonei. “Quello che abbiamo potuto realizzare a nostre spese lo abbiamo fatto – hanno aggiunto i residenti di largo Brambilla – come gli archi in cemento per consentire il passaggio delle tubature”. Anche la recinzione degli immobili da ultimare è stata chiesta a gran voce dagli abitanti, costretti a fare i conti con lo spaccio di sostanze stupefacenti, favorito soprattutto dall’assenza della pubblica illuminazione. 

A marzo scorso, Nicola Franco, il presidente del Municipio Roma VI delle Torri, ha annunciato che in largo Brambilla verrà istituita la ‘casa delle istituzioni’ (nell’immobile che originariamente avrebbe dovuto diventare un centro per ragazzi autistici). Stando a quanto riportato nella proposta di progetto della giunta di centrodestra, all’interno dell’immobile dovrebbero essere trasferit iun presidio di Polizia Locale, la sede degli Organi Municipali e degli Uffici necessari al loro funzionamento, gli Spazi Culturali, la Croce Rossa, la Protezione Civile, un Ufficio Condono Decentrato e un ufficio di coordinamento delle A.C.R.U. Prima ancora, con la giunta del Movimento Cinque Stelle, in largo Brambilla, avrebbe dovuto nascere il museo delle periferie. Intanto, da queste parti, l’unica cosa certa che continua a regnare sovrana è il degrado. 

largo-brambilla-02

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le promesse su largo Brambilla restano un miraggio: regnano solo degrado e rifiuti

RomaToday è in caricamento