Tor Bella Monaca Tor Bella Monaca / Largo Ferruccio Mengaroni

Tor Bella Monaca: Bulgari vuole riqualificare largo Mengaroni per 500mila euro

Dal Comune la pubblicazione di un avviso per ricevere eventuali altre sponsorizzazioni tecniche. Le domande dovranno pervenire entro il 14 maggio

Largo Ferruccio Mengaroni - Immagine di archivio

Dall’ascolto del territorio all’ideazione di progetti sociali e interventi urbanistici. A Tor Bella Monaca, la fondazione Paolo Bulgari vorrà, tra le altre cose, riqualificare anche lo spazio di largo Mengaroni, cuore del quartiere e per farlo, investirà una somma di 500mila euro. Tasselli di un grande puzzle denominato ‘CRESCO’ e sviluppato in collaborazione con l’assessorato alla cultura del sesto municipio. Dopo aver ricevuto la proposta di ‘sponsorizzazione tecnica’, il Comune di Roma ha pubblicato un avviso per ricevere eventuali nuove proposte, come previsto dal ‘Regolamento per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni”.

La parola ‘CRESCO’ vuole significare ‘Cantiere di Rigenerazione Educativa: Scuola, Cultura, Occupazione’. Il progetto, raccontato al nostro giornale già nel luglio dello scorso anno da Francesco Montillo, urbanista e scrittore, punta all’attivazione, alla valorizzazione e al rafforzamento della comunità educante del quartiere e si svolge in alcuni dei luoghi simbolo di Tor Bella Monaca: la scuola “Acquaroni”, la scuola “Melissa Bassi” e la piazza di largo Mengaroni. 
Nella stessa occasione, anche Giulio Cederna, direttore del programma ‘Italia’ della Fondazione Bulgari, commentava: “E’ un progetto di partecipazione e di interventi”.

L’avviso, pubblicato lo scorso 8 aprile dal Dipartimento Tutela Ambientale, è finalizzato a ricevere eventuali nuove proposte di sponsorizzazione tecnica. Queste dovranno prevedere la riqualificazione dello spazio di largo Mengaroni con un importo di spesa non inferiore a 500mila euro e dovranno essere migliorative rispetto al progetto già presentato, frutto tra l’altro di un dialogo con la cittadinanza durato mesi, anche grazie all’apporto dell’associazione Cubo Libro. Le domande potranno essere inviate entro il 14 maggio.

Dall’ascolto del territorio all’ideazione di progetti sociali e interventi urbanistici. A Tor Bella Monaca, la fondazione Paolo Bulgari vorrà, tra le altre cose, riqualificare anche lo spazio di largo Mengaroni, cuore del quartiere e per farlo, investirà una somma di 500mila euro. Tasselli di un grande puzzle denominato ‘CRESCO’ e sviluppato in collaborazione con l’assessorato alla cultura del sesto municipio. Dopo aver ricevuto la proposta di ‘sponsorizzazione tecnica’, il Comune di Roma ha pubblicato un avviso per ricevere eventuali nuove proposte, come previsto dal ‘Regolamento per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni”.

La parola ‘CRESCO’ vuole significare ‘Cantiere di Rigenerazione Educativa: Scuola, Cultura, Occupazione’. Il progetto, raccontato al nostro giornale già nel luglio dello scorso anno da Francesco Montillo, urbanista e scrittore, punta all’attivazione, alla valorizzazione e al rafforzamento della comunità educante del quartiere e si svolge in alcuni dei luoghi simbolo di Tor Bella Monaca: la scuola “Acquaroni”, la scuola “Melissa Bassi” e la piazza di largo Mengaroni. 
Nella stessa occasione, anche Giulio Cederna, direttore del programma ‘Italia’ della Fondazione Bulgari, commentava: “E’ un progetto di partecipazione e di interventi”.

L’avviso, pubblicato lo scorso 8 aprile dal Dipartimento Tutela Ambientale, è finalizzato a ricevere eventuali nuove proposte di sponsorizzazione tecnica. Queste dovranno prevedere la riqualificazione dello spazio di largo Mengaroni con un importo di spesa non inferiore a 500mila euro e dovranno essere migliorative rispetto al progetto già presentato, frutto tra l’altro di un dialogo con la cittadinanza durato mesi, anche grazie all’apporto dell’associazione Cubo Libro. Le domande potranno essere inviate entro il 14 maggio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor Bella Monaca: Bulgari vuole riqualificare largo Mengaroni per 500mila euro

RomaToday è in caricamento