TorriToday

Due Leoni: il Professor Biker pronto ad una nuova sfida

Intervista a Marcello Carucci, insegnante alla scuola media Enrico Medi di San Biagio Platani. Una passione per i viaggi in moto che in 28 anni gli ha fatto percorrere oltre 1 milione di km esplorando Europa, Medio Oriente, Africa e Asia

Marcello Carucci durante la Roma-Dakar

Per la prossima sfida ha dato solo un indizio: “Percorrerò 14 stati in 60 giorni”. Parole e musica di Marcello Carucci, insegnante di educazione fisica alla scuola media di via San Biagio Platani ai Due Leoni. 'Professor Biker' nato a Pescina (provincia de L’Aquila) il 4 gennaio di 54 anni fa. Maestro V Dan di karate e personal trainer, Marcello Carucci coltiva il suo amore per i motori sin da giovanissimo: “La mia passione per le due ruote - racconta - è stata sempre viva sin da adolescente, vedevo i primi motociclisti sfrecciare sulle autostrade e sognavo un giorno di indossare una tuta di pelle come i piloti e partire”. Un sogno diventato realtà 28 anni fa e che da allora lo ha visto percorrere oltre un milione di chilometri, attraversando in solitaria l’Europa, il nord Africa, il Medio Oriente ed una grossa fetta di Asia. “La mia prima sfida fu nell’ex Yugoslavia, oltre 20 anni fa - ricorda il professor Carucci -. Feci oltre 10mila chilometri attraversando anche la Spagna e la Turchia. Quando tornai a casa mi sembrava di aver fatto una grande impresa”.

IN GIRO PER IL MONDO: Da allora la Roccia degli Abruzzi non ha mai smesso di cavalcare la sua passione percorrendo con le sue moto tutta l’Europa, dall’Austria all’Islanda, passando per Spagna, Grecia, Portogallo, Francia, Repubblica Ceca, Inghilterra, Scozia e Irlanda. Ma anche i paesi scandinavi, (Danimarca, Svezia, Norvegia, Finlandia) sino ad arrivare a Capo Nord. Viaggi che ogni estate hanno portato il professore di Tor Bella Monaca a porsi delle nuove sfide che lo hanno visto attraversare anche altri continenti, come l’Africa (Marocco, Egitto, Mauritania e Senegal). “La Roma/Dakar in solitaria - prosegue Carucci - è stata la mia vera prima impresa, così come la Roma - Ulan Bator (capitale della Mongolia ndr), dove tra andata e ritorno ho percorso  23,500 chilometri”. Viaggi per il mondo che lo hanno portato anche in Medio Oriente, (Turchia, Siria, Giordania e Iran) passando per l’Europa dell’Est e una buona parte dell’Asia (Romania, Ungheria, Polonia, Lituania, Lettonia, Estonia, Ucraina, Crimea, Georgia, Transnistria e Kazakistan) viaggi che lo hanno portato diverse volta in Moldova, paese della sua compagna (Silvia Furna) che da 7 anni condivide la vita di tutti i giorni con Marcello Carucci nella loro abitazione romana nella zona di Decima. “I miei viaggi sono stati quasi sempre in solitaria solamente in quest' ultimi anni ho condiviso molte avventure nell'est Europa compresa la Russia con la mia compagna”.

L'HAYABUSA: Marcello Carucci che ha condiviso 28 anni di avventure in sella a diverse moto, cominciando con una Honda CBX 750, comprata usata con grandi sacrifici mentre lavorava duramente nella palestre come personal trainer e maestro di karate. “Con il passare degli anni ho cambiato diverse ‘compagne di viaggio’ sino ad arrivare all’attuale Suzuki Hayabusa che utilizzo dal 2003”.

FUOCO IN RUSSIA: Professor di educazione fisica all’Enrico Medi dei Due Leoni che non ha sempre avuto vita facile, conoscendo gioie e dolori: “Gli episodi simpatici e brutti sono molti. In particolare ne ricordo uno in Russia che mi ha insegnato molto. Ero in albergo con la mia compagna, preparo il caffè ma dimentico di mettere l’acqua nella caffettiera. Dopo poco fumo a volontà e panico. Ricordo un fuggi fuggi generale, vennero a bussare alla nostra porta e spiegammo l’incidente. Fortunatamente non si fece male nessuno e la questione si chiuse con una gran risata. Da principio sarei voluto sprofondare ma da allora sono molto più accorto davanti ai fornelli”. Avventure che molte volte lo hanno portato al limite: “Il viaggio più faticoso è stato quello per Dakar. Attraversai la Mauritania in agosto rimanendo per un’intera giornata con l’acqua contata e senza la possibilità di farmi la doccia per tre giorni. Molto difficile anche il viaggio in Mongolia, la Russia sembra non finire mai. Nonostante questo non potrei fare a meno di viaggiare. Mi adatto alle situazioni che trovo. Ho dormito speso in terra tra i tir, sulle panchine, ma anche in situazioni estreme come in Senegal e Tunisia riposando tra gli scarafaggi. Ho dormito nel deserto più volte, soffrendo il caldo ed il freddo. Ho sopportato temperature di 60 gradi al suolo con 3 litri di acqua per un'intera giornata, ho viaggiato spesso per 25 ore senza dormire. Qualcuno mi da del folle, ma secondo me i veri folli sono quelli che rimangono al palo”.

LA SCUOLA E I SUOI ALUNNI: Diplomato ISEF Marcello Carucci ha insegnato in diverse scuole della Capitale sino a passare di ruolo quattro anni fa nella succursale di via San Biagio Platani ai Due Leoni della scuola media Enrico Medi di Tor Bella Monaca. Professor Biker diventano subito un mito per i suoi ragazzi, come spiega con soddisfazione: “Da 4 anni insegno in questa scuola dove ho il piacere di lavorare con dei ragazzi stupendi che mi trasmettono calore ed entusiasmo non solo per la mia passione dei viaggi ma anche per il mio lavoro. Sono talmente orgogliosi che hanno creato un fan club su Facebook dove hanno la possibilità di salutarmi, parlare e avere le loro confidenze. Spesso trovo scritte sulla lavagna che mi riempiono d’orgoglio. Anche i più agitati sono educatissimi con me, mi vogliono bene come ne voglio io a loro. Guai a chi me li tocca. Prima di ogni viaggio mi fanno i complimenti, riempiendomi di doni e giocattoli da consegnare ai bambini più bisognosi nel corso dei miei viaggi. Prima di partire sembro Babbo Natale. Ma grandi attenzioni le ho soprattutto quando torno, mostrandogli video e foto. E’ un modo per fargli conoscere la vita”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PROSSIMA AVVENTURA: Professor Biker che non intende smettere le sue avventure: “La mia prossima avventura prevede un tour di 60 giorni, almeno 40 giorni in solitaria i rimanenti con la mia compagna. Visiterò 14 Stati, me ve lo racconterò solo a viaggio terminato”. Marcello Carucci diventato un mito nel mondo delle due ruote: “Sarò dall'8 all'11 marzo al Motodays di Roma. Un appuntamento importante per tutti gli appassionati di moto che se vorranno potranno salutarmi e scambiare con me due battute nel padiglione riservato ai viaggiatori (moto turismo)”.


PIU’ SIAMO E MEGLIO STIAMO: Marcello Carucci che condivide le sue avventura oltre che con i suoi alunni anche attraverso le pagine del proprio sito web: www.marcellocarucci.it e attraverso la sua pagina di Facebook. “Amo condividere le mie esperienze con il mondo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali 2021: Federico Lobuono si candida a sindaco di Roma

  • Sciopero Roma: oggi metro, bus e tram a rischio per 24 ore. Gli orari

  • Coronavirus Roma, presidente dell'ordine dei medici: "Nel Lazio situazione preoccupante"

  • Albero crolla su auto, il padre della ragazza nella vettura: "Criminali, oggi potevo essere al funerale di mia figlia"

  • Ciclabile Tuscolana, investiti due fratelli. Il padre: "Più che una bike lane è una preferenziale per scooter"

  • Metro B, Castro Pretorio e Policlinico chiudono per la sostituzione della scale mobili

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento